Giappone, la ripresa taglia le ferie

di |
logomacitynet696wide

La ripresa nel mercato dell’IT costringe molte aziende a cancellare i periodi di ferie programmati ad inizio anno. Sarà  un capodanno di lavoro per molti impianti che producono chip.

Il vento della ripresa taglia le ferie in Giappone. Alcuni stabilimenti che producono chip hanno infatti fatto sapere che non svolgeranno i nove giorni previsti di fermo impianti (da mercoledì 24 dicembre al 2 gennaio) conseguenti alle festività  di Natale e di inizio anno.

Tra le società  che riapriranno prima del previsto c’é l’impianto di Toshiba situato a Yokkaichi che è sotto pressione per la forte richiesta di memorie flash. Non chiude per le feste di inizio anno la fabbrica che sempre Toshiba possiede a Oita da cui escono i chip per la PlayStation, e che osserverà  solo due giorni di fermo macchine. NEC, tra i più importanti produttori di chip giapponesi, avrà  ferie tra uno e due giorni, meno delle previsioni di inizio anno; anche Resenas Technology osserverà  un periodo di ferie più breve.

La notizia che i maggiori produttori di chip giapponesi hanno deciso di mantenere in funzione gli impianti anche in un periodo in cui normalmente li chiudono è l’ennesima conferma della ripresa dell’IT. Il settore nel paese del sol levante è cresciuto rispetti ai minimi storici del 2002 dell’8,3% durante il 2003 e continuerà  a crescere (del 14,7%) anche durante il 2004.