Giorni da browsers

di |
logomacitynet696wide

Netscape rilascia la versione 6, Microsoft lancia il beta testing di IE 6.0 per Win ma anche Opera che fa il punto sulla versione Mac del suo navigatore. Sono giorni da browsers.

Netscape rilascia la versione 6 del suo navigatore, Microsoft annuncia il beta testing di IE 6.0 per Win, iCab si avvicina alla versione finale. Sono “giorni da browser” e anche Opera, la società  Norvegese che produce uno dei più interessanti navigatori per Internet per Win, aggiorna il suo piano per la versione Mac.
Il sito, leggermente ristilizzato, in realtà  non dice molto di nuovo su Opera per Macintosh. Apprendiamo, e questo già  si sapeva, che esso è in Alfa privata e che la sperimentazione va avanti. Non ci sono date di rilascio, anzi i pochi riferimenti al proposito (qualche tempo fa si lasciava intendere che una versione pubblica sarebbe stata presentata in autunno) sono stati debitamente cancellati. E’ stata però pubblicata, e questa è una novità , una lista di cosa funziona e che cosa non funziona in Opera per Mac allo stato attuale. Apprendiamo, così che la versione Alfa di Opera, tra l’altro, randerizza pagine in HTML 3.2 e 4.0, usa Javascript e le estensioni CSS 1 e 2, permette l’FTP, mostra files grafici GIF, PNG e JPEG, supporta HTTP 1.0 e 1.1. Ma sono ancora molte le cose che Opera per Mac non fa, alcune di queste fondamentali: non usa Java, no stampa, non consente l’upload di fles, non gestisce i cookies.
L’impressione, dunque, è che Opera per Mac (che dovrebbe essere rilasciato sia per 68k, che per PPC che per MacOs X) sia ancora molto indietro e che non ci dovremo attendere un rilascio in tempi brevi.
Ricordiamo che in passato i responsabili di Opera avevano lamentato la mancanza di programmatori esperti che potessero accelerare il rilascio della versione per la nostra piattaforma.