Gli analisti: il video su iPod funziona

di |
logomacitynet696wide

Apple, con il video su iPod, ha centrato l’€™obbiettivo e si è aperta molte porte per il futuro. L’€™opinione è degli analisti che scommettono su nuovi fornitori di contenuti digitali per il player a breve.

Apple si è posta nelle condizioni di recitare da protagonista nel disegno della prossima frontiera della casa digitale. Ad esprimere questo parere è Gene Munster, analista di Piper Jaffray nel corso della giornata di ieri, sulla scorta delle informazioni che la stessa casa di Cupertino ha fornito.

Secondo Munster, leggendo dietro alle righe della notizia di un milione di video scaricati, si coglie una strategia che il mercato sta recependo. ‘€œApple per ora mette a disposizione pochi video – dice Munster – ma questo rende la risposta ancora più eccezionale. 2000 filmati sono un nonnulla al confronto del milione di brani audio… E anche se è vero che molti clienti, forse il 40%, hanno semplicemente fatto una prova, è altrettanto vero che Apple ha dimostrato che esiste un mercato per questo tipo di contenuti’€

La stessa opinione viene espressa da Shaw Wu, di American Technology Research secondo il quale ‘€œse nessuno poteva dubitare che Apple raggiungesse il milione di download, pochi pensavano che potesse toccare questa cifra tanto velocemente. E’€™ un buon segnale per Apple e la sua strategia’€.

Una strategia che, secondo Munster, condurrà  Cupertino a divenire un pilastro del mondo dei contenuti digitali, specie quello prossimo futuro che avrà  la fruizione domestica come perno centrale.

La prossima tappa, secondo Munster, è già  stata segnata: la raccolta di altre adesioni al progetto di contenuti per iPod per la quale Jobs ha lanciato ieri un appello, implicito (con i numeri forniti) ed esplicito (con il CEO che dice esplicitamente di avere intenzione di allargare la quantità  dell’€™offerta), nel comunicato sul milione di video scaricati. ‘€œApple ha dimostrato che la domanda c’€™è – dice Munster – e ha presentato un invito ai content providers’€. Un invito che sembra proprio che possa essere raccolto a breve.