Gli italiani premiano iTunes

di |
logomacitynet696wide

iTunes in Italia cresce nel mese di marzo di quasi il 100%. Lo usa il 10,3% della popolazione di Internet secondo Nielsen//NetRatings. Anche Quicktime si difende.

Gli italiani amano sempre di più iTunes, questo, almeno, quanto si può dedurre dalle informazioni raccolte da Nielsen//NetRatings nel mese di marzo 2007 per il nostro mercato.

iTunes tra le applicazioni Internet è quella che ha guadagnato maggiormente terreno con un incremento di utilizzo del 94% rispetto al marzo dello scorso anno. Complessivamente gli utenti del juke boxe di Apple sono stati 2,1 milioni, un numero molto significativo se si considera che Skype (2,5 milioni) è appena poco più sopra. iTunes ha una penetrazione del 10,3% della popolazione di Internet attiva con sei sessioni mese. Il risultato di iTunes è interessante perché il più vicino tra i software per la vendita di musica on line ‘€œpuri’€ (escludendo quindi software che servono anche a vedere video in streaming com Real Player) è MusicMatch che si colloca al quindicesimo posto con 331mila utenti e solo l’€™1,3% della popolazione di Internet attiva.

Tra le applicazioni Internet al primo posto figura il diffuso Windows Media Player con 10 milioni di utenti e oltre il 48% dei navigatori attivi. Al secondo posto MSN Messanger (7,2 milioni, +48%); eMule ha avuto 6,4 milioni di utenti (+49%).

Da notare che nella classifica, anche se più indietro, appare anche QuickTime che si colloca al nono posto con il 7,6% della popolazione attiva e 1,6 milioni di utenti e 2 sessioni al mese.

Oltre alla crescita del peer to peer e delle applicazioni Intyernet in genere il fenomeno più rilevante in Italia sembra essere il video ondine. Siti come YouTube, i canali video di Libero, Alice, Google e le Web TV (come le sezioni TV e Multimedia di Repubblica e i Mediacenter di Corriere e Gazzetta) hanno raccolto un grande successo. Da segnalare anche la crescita dei motori di ricerca ‘€œumani’€ come Wikipedia (6,6 milioni di utenti, più che raddoppiati nell’€™ultimo anno) e Yahoo! Answers (che in 10 mesi ha raggiunto un’€™utenza di 2,2 milioni) e dei siti dove costruirsi una vita virtuale come Second Life (ancora poco visitato in Italia, ma che solo nell’€™ultimo mese ha visto triplicare la propria utenza, passata dai 70 mila utenti di febbraio ai 230 mila utenti di marzo).

Per quanto riguarda le categorie più tradizionali a marzo gli internauti hanno intensificato la presenza sui siti governativi e della pubblica amministrazione (10,8 milioni di visitatori, +8% rispetto a febbraio), sui siti di ricerca di lavoro (+23% rispetto a febbraio) e sui siti di travel. L’€™avvicinarsi delle vacanze pasquali e dei ponti del 25 aprile e 1 maggio sembra infatti stimolare la voglia di viaggi: 9,5 milioni di persone (il 47% di tutti i navigatori italiani) hanno visitato un sito di travel nel mese di marzo.

Durante il mese il traffico si è intensificato in particolare sui siti delle agenzie viaggi virtuali (Expedia +16%, Edreams +19%, Lastminute +27%) e delle compagnie aeree (+7%) ma anche su siti collegati ai viaggi, come i siti di meteo (+15%).

Si segnalano in particolare nel mese gli incrementi di audience di MSN / Windows Live e Microsoft (entrambi con un +7%), Alice (+5%), Yahoo! (+9%) Wikipedia (+10%), SeatPG Directories Online (+12%) e Leonardo.it (+9%). Crescono i siti degli operatori di telefonia, fissa e mobile: Vodafone Omnitel (2,9 milioni, +5%), Telecom Italia (2,4 milioni, + 14%) e TIM (2 milioni, +29%).