Gli show Tv appaiono a sorpresa su iTunes

di |
logomacitynet696wide

La stagione dei telefilm inizia sulle Tv americane e a sorpresa, nonostante i propositi di Apple, appare anche qualche show di Nbc. Il Network americano, prima di abbandonare (definitivamente?) il negozio on line di Cupertino assesta un ultimo colpo di coda.

I propositi di Apple di tenere, dopo la rottura dell’accordo con Nbc, gli show del network americano fuori da iTunes fin da subito e non da fine dicembre come previsto dal contratto sono andate a vuoto. A mettere in chiaro la sconfitta è la comparsa, avvenuta oggi, dei primi episodi di Journeyman e Chuck, due nuovi telefilm cominciati in questi giorni.

Apple, come noto, aveva più volte ribadito che la cancellazione dell’accordo di vendita di telefilm su iTunes voluta da Nbc non avrebbe avuto le modalità  pretese dalla controparte. I telefilm non sarebbe spariti, quindi, a dicembre come scritto nel contratto e dopo avere iniziato la stagione (che per le Tv americane comincia tradizionalmente o l’ultima settimana di settembre o la prima di ottobre), ma subito. La volontà  di Apple di terminare immediatamente la distribuzione dei telefilm era comprensibile; aprire la distribuzione per poi essere costretta a sospenderla, significava semplicemente tirare la volata ad altri negozi (come Amazon) che avranno tutta la serie.

Da parte sua, per interesse contrario, Nbc desiderava invece che i telefilm andassero su iTunes e l’aveva ribadito con chiarezza fin da subito, ovvero dalle ore immediatamente successive all’emissione dei comunicati incrociati. Ad avere ragione è stata proprio la rete Tv americana che dalla sua aveva un contratto che, a quanto pare, parlava chiaro.

Ricordiamo che Nbc ha messo in atto una complessa strategia per supportare il suo distacco da iTunes. Si va dalla vendita di episodi su altri siti per finire con episodi concessi gratuitamente, passando per servizi alternativi che distribuiscono contenuti sponsorizzati. Il mantenimento degli spazi che le competono per contratto di iTunes può essere vista, evidentemente, come parte di questa stessa strategia