Grandi movimenti in casa Palm

di |
logomacitynet696wide

Con un giro di poltrone e l’affidamento di nuovi incarichi Palm delinea la strategia per un futuro in cui hardware e software saranno sempre piu’ separati. C’è posto anche per Gasse di Be.

Palm starebbe per annunciare di aver formato un nuovo direttivo di cinque membri per la sua divisione dei sistemi operativi
Il direttivo sarebbe presieduto dal CEO Eric Benhamou e vedrebbe tra gli altri anche la presenza di CEO di Informix Robert J. Finocchio Jr e di due ex dipendenti Apple: David Nagel (di cui vi abbiamo parlato recentemente) e Jean-Louis Gasse, creatore di BE.

Lo scopo sarebbe quello di muoversi sempre più nella direzione di dividere la sezione hardware da quella software.

Gli analisti e i membri del consiglio di amministrazione ritengono che, con la separazione, la società  riuscirà  a spingere con più successo il sistema operativo sui palmari di altri produttori.

Inoltre, la prossima settimana, dopo una ricerca durata sei mesi, Palm nominerà  il nuovo chief executive della divisione hardware; si tratterà  di Todd Bradley, in precedenza manager presso Gateway e preso la stessa Palm.

Il momento è cruciale per l’azienda, che deve fronteggiare un forte rallentamento delle vendite (dovuto all’€™andamento della economia ma anche dallo scarso rinnovamento dei prodotti), e allo stesso tempo deve condurre la transizione verso una piattaforma nuova sia dal lato hardware che da quello software.

L’€™organigramma dovrebbe evolvere fino a vedere Nagel CEO della divisione PalmSource, che si occupa di sistemi operativi, Bradley CEO della divisione hardware,  e Benhamou coordinatore di entrambe le unità Â  fino allo split che avverrà  nel corso di questo anno.
[A cura di Marco Centofanti]