HBO sbarca su iTunes

di |
logomacitynet696wide

Su iTunes arrivano i programmi HBO. Prezzi variabili ma anche il rilascio solo quando i telefilm sono già stati resi disponibili in DVD.

Come previsto (e riportato anche dal nostro sito nel corso della giornata di ieri) HBO arriva su iTunes. A notare l’€™apparizione di pagina dedicata al network americano, uno dei principali tra quelli a pagamento con serie di punta spesso esportate anche all’€™estero, è la testata britannica di Macworld.

In vendita ci sono titoli di grande impatto come Rome (coprodotta con la Rai), I Soprano (che vanno in onda anche in Italia con un discreto successo), l’€™arcinota Sex and The City, la pluripremiata Deadwood, The Wire e Flight of the Conchords. Si tratta di un ridotto numero di puntate che, sempre come preannunciato, vengono vendute a prezzi differenziati: 2,99 dollari e 1,99$.

Da notare che, come aveva scritto ieri il Wall Street Journal, la formula sperimentat da HBO è diversa da quella che seguono altri canali Tv. Le puntate non saranno disponibili subito dopo la messa in onda, ma solo quando saranno state rilasciate in DVD. La doppia peculiarità  (prezzi variabili e disponibilità  unicamente quando sarà  già  stata resa disponibile una versione in DVD) dovrebbero limitare il fenomeno della cannibalizzazione degli abbonamenti su cui vive HBO. In aggiunta a questo la disponibilità  sul canale digitale potrebbe dare nuova linfa e aumentare il fatturato su prodotti che su alcuni media hanno già  esaurito la loro spinta.

Secondo alcune fonti a spingere per questa soluzione e sullo sbarco in iTunes sarebbe stata Warner, convinta che la strada digitale non poteva più essere differita.

La scelta di Apple e la dimostrazione di una flessibilità  che in precedenza non si era manifestata, potrebbe aprire la strada a nuovi accordi se non al ritorno di Nbc che aveva lasciato (anche) per la rigida politica sui prezzi applicata da Cupertino. Nuovi accordi si spalancano, oltre che per l’immagine di HBO che accordandosi con Apple dimostra di avere fiducia nel media, anche per la ormai consistente ricchezza di contenuti di iTunes che ben difficilmente può continuare ad essere ignorato visto che anche nel campo del video e dei film rappresenta un riferimento rilevantissimo.