HyPhone: genesi di un’aspettativa

di |
logomacitynet696wide

Il potere dell’ignoto: come attendere tutto da ciò su cui non si sa assolutamente nulla.

Da mesi le indiscrezioni si susseguono incessantemente, ora sollevando un lembo del velo che dovrebbe coprire il fantomatico cellulare Apple, ora rendendo ancora più imperscrutabile ciò che sotto sembrerebbe celarsi.

Come sempre l’abilità  di Steve Jobs sta nel “non dire”, nel non rivelare nulla, non lasciar trapelare niente se non alcuni indizi deducibili da elementi esterni. La segretezza che ruota ancora oggi attorno al telefonino Apple ha contribuito a creare un HYPE davvero impressionante: ogni giorno i rumors si susseguono, si contraddicono, si confermano fra loro senza venir a capo di nulla.

Intanto l’attesa febbrile cresce e si intensifica; sarà  ormai conseguenza di una concezione mitica che percepirebbe Apple come una sorta di Re Mida: tutti aspettano che la società  di Cupertino “tocchi” qualcosa e che grazie al tocco della Mela quel qualcosa diventi oro sotto i loro occhi.

Tutti attenti allora, attenti a non perdersi il fatidico momento del tocco, istante che chiunque vuole immortalare. Proprio nelle ultime ore circolano voci di corridoio (se non addirittura di retrobottega) che vorrebbero l’uscita dell’iPhone il prossimo lunedì. E la tensione cresce, anche di fronte alla possibilità  che siano solo voci, che lunedì si resti con l’amaro in bocca.

Sembra quasi di trovarsi di fronte al cielo di San Lorenzo, mentre si osserva la notte nell’attesa che passi una stella cadente. Si attende, nella speranza di poter finalmente scorgere quel bagliore nel buio e andare a casa soddisfatti di averla vista, per poter dire “L’ho vista!”. Un bagliore che taglia e spezza la tensione, infrange e dischiude l’Hype.

Perché fra voci, pettegolezzi, rumors e congetture, una cosa è assodata: Apple è riuscita a creare attorno a questo benedetto cellulare un aspettativa ed un attesa dal magnetismo inusitato, capace di tenere gli appassionati sulle spine, di far crescere il desiderio e la curiosità  ogni giorno sempre più esponenzialmente.

Il tutto senza aver detto nulla.