IBM: Crusoe consuma troppo

di |
logomacitynet696wide

Ora è ufficiale: IBM ha rinunciato a Crusoe perchè consuma troppo rispetto alle promesse. “Ma i chip di Transmeta hanno avuto il merito di far capire che la durata delle batterie è un fattore essenziale nel mondo dei portatili”

Ora è ufficiale: IBM ha deciso di non utilizzare Crusoe per il fatto che il suo consumo non è tanto basso da giustificare il passaggio a processori diversi dagli Intel.
Quanto alcuni siti sostenevano nei giorni scorsi è stato confermato da Leo Suarez, responsabile a livello mondiale del marketing di IBM nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nel contesto del Comdex di Las Vegas.
“Al momento Crusoe non è in grado di garantire ai nostri portatili un salto significativo nella durata delle batterie”. IBM nel corso di alcuni test ha notato che il laptop non superava le sei ore di autonomia quando la speranza di Big Blue era di superare le sette ore e avvicinarsi alle otto. “Poichè quando si cambia piattaforma, inevitabilmente si espongono i propri clienti a disagi, bisogna avere buoni motivi per farlo e noi non ne avevamo di sufficientemente forti”. Suarez ha poi respinto la tesi di chi sosteneva che il vero problema di Crusoe sono le prestazioni. “Nel settore dei portatili i fattori essenziali sono tre: peso, dimensioni e durata delle batterie. La velocità  per noi non era un problema essenziale”.
Suarez ha poi puntato il dito contro Intel, accusandola di non essere mai stata realmente attenta al problema del consumo. “Continuavano a ripeterci che stavano lavorando a chip a basso consumo per i portatili – ha detto Suarez – ma fino a quando Transmeta non è arrivata sul mercato non abbiamo mai avuto nulla su cui lavorare. Anche per questo abbiamo deciso di provare a vedere che cosa ci poteva offrire Transmeta e per questo siamo grati a Transmeta. Il loro arrivo sulla scena ha fatto capire anche ad Intel quanto importante sia il problema del consumo”.
Suarez ha poi affermato che continuerà  a valutare i processori di Transmeta in vista di una loro possibile futura adozione.