I nuovi G5 e le vecchie schede PCI

di |
logomacitynet696wide

Con l’introduzione della tecnologia PCI-X sui modelli di G5 da 1.8 Ghz e doppio processore 2 Ghz i possessori di “vecchie” schede PCI per audio, video, SCSI e altre utilizzazioni avranno dei problemi di compatibilità . Ecco come affrontarli.

Il progresso tecnologico e l’uso di standard avanzati comporta molte volte problemi di compatibilità  con la produzione di periferiche e accessori presenti da tempo sul mercato.

E’ il caso delle “vecchie” schede su bus PCI che molti utenti hanno acquistato in passato sia per collegare periferiche di tipo SCSI o su connessione veloce sia per gestire audio e video.

Come è noto solo il modello base dei nuovi PowerMac G5 è dotato del vecchio, “classico” bus PCI, in pratica si tratta della versione PCI 2.1 che supporta lo switching tra 5v e 3.3v con scheda da 32 e 64 bit.

Le schede in commercio possono essere di tre tipi
– Solo 3.3v: queste schede possono funzionare sui nuovi G5 con PCI-X (al momento, ripetiamo, si tratta dei modelli da 1.8 Ghz e doppio 2 Ghz) ma non sui vecchi PowerMac G4 e (presumiamo) neppure sui G5 da 1.6 Ghz
– Solo 5v: queste schede funzionano sui G4 vecchi, sui G5 da 1.6 e non sui G5 di clock superiore.
– Schede “universali” da 3,3v e 5v con madalità  switching: queste vengono supportate sia dai PowerMac G4 che da tutti i PowerMac G5.

Il futuro ci riserva semmpre di più computer con slot PCI da 3.3v.

E’ chiaro che i produttori di schede che vorranno mantenere la massima compatibilità  con tutte le macchine dovranno realizzare schede “universali” con entrambi i voltaggi, ma il passaggio non sarà  immediato (vediamo sotto la situazione attuale).

La situazione è ovviamente più “grave” per chi ha investito molto in una sistema audio-video con schede non compatibili con i computer Pro di Apple più potenti.
La soluzione per questi, nel caso vogliano acquistare una macchina della nuova generazione è rivolgersi al modello G5 da 1.6 Ghz non prima comunque di aver testato la compatibilità  dell’insieme hardware e software con le nuove macchine.

Una soluzione alternativa già  utilizzata in passato soprattuto in campo audio quando i Mac avevano solo 3 slot e poche possibilità  di collegamento di periferiche esterne (come nei G3 beige che non avevano Firewire) è quella di acquistare un Case esterno prodotto da magma che disponga degli slot PCI da 5v e della relativa alimentazione: in questo caso le “vecchie” schede potrebbero venire ospitate nel box aggiuntivo preservando l’eventuale vecchio investimento e utilizzando la potenza di calcolo dei veloci G5.

Adaptec
Le schede SCSI veloci più economiche del produttore non sono compatibili con PCI-x e probabilmente non vedremo versioni “adattate” in tempi brevi.
Sono invece compatibili le schede che dispongono di alimentazione “universale” switching come i modelli Ultra 160, Ultra 320 e i modelli FiberChannel oltre ai prodotti RAID.

Atto
Situazione pressochè analoga quella di Atto: i prodotti Hi-end e i sistemi Raid sono già  “universali” e possono essere collegati a tutti i modelli di G4 e G5: solo Express PCI DC e PSC funzionano esclusivamente a 5v e sono pertanto incompatibili con i modelli di 5 piu’ veloci.

M-Audio
L’attuale serie di schede audio M-Audio, con l’eccezione della scheda di tipo consumer Revolution, non è compatibile con lo standard PCI-X.
M-Audio sta lavorando a modifiche su tutte le schede di sua produzione per portarle alla compatibilità  ma non è ancora stata disponibile una data precisa per il rilascio.

Digidesign
Ha pubblicato una pagina in cui illustra i modelli compatibili con i nuovi G5 e comunque si impegna a rendere compatibili molti dei suoi sistemi che utilizzano attualmente una scheda da 5v per il collegamento al Mac (non si sa se in prodotti nuovi o con un possibile upgrade)