I segreti delle presentazioni di Jobs spiegati in un libro

di |
logomacitynet696wide

Steve Jobs è considerato il migliore nel panorama delle presentazioni aziendali: ogni volta che sale sul palco il pubblico in estasi è convinto di partecipare ad una presentazione speciale. Per la prima volta il campo di distorsione della realtà  di Jobs è analizzato scientificamente dall’esperto di Comunicazione Carmine Gallo in un libro che uscirà  in inglese in ottobre.

Quando Steve Jobs sale sul palco gli spettatori vengono letteralmente catturati e in ognuno dei presenti si crea la convinzione di assistere ad un evento speciale. Dalla presentazione del Mac nel 1984 fino all’evento di mercoledì scorso 9 settembre lo stile e l’effetto delle presentazioni di Jobs sono state spesso definite come un campo di distorsione della realtà , una sorta di magia o di capacità  di Jobs di dare vita a presentazioni uniche nel panorama aziendale odierno. Per la prima volta il campo di distorsione della realtà  attribuito a Jobs è stato analizzato nei dettagli, dissezionato e studiato meticolosamente dall’esperto di comunicazione Carmine Gallo in un libro che promette non solo di svelare i segreti delle presentazioni di Jobs ma anche di trasmettere queste nozioni per migliorare le doti oratorie e di presentazione dei lettori.

The Presentation Secrets of Steve Jobs: How to be Insanely Great in Front of Any Audience è il titolo dell’interessante libro di Gallo che uscirà  il 2 di ottobre e che può essere già  pre-ordinato su Amazon nel Regno Unito (il negozio UK pratica prezzi più bassi di quello Usa per le spedizioni in Italia e ha anche tempi di consegna più rapidi). L’autore offre un esempio dell’approfondita analisi compiuta sulle presentazioni di Jobs in un articolo su Cult of Mac in cui Gallo esamina alcune delle presentazioni più importanti di Jobs degli ultimi anni.

Tra i numerosi segreti che trapelano dall’analisi dell’esperto ricordiamo il focus costante di Jobs su al massimo 3 novità  o prodotti per ogni singola presentazione, fornire al pubblico pochi numeri e sempre accompagnati da immagini, concetti pratici e semplici che ne contestualizzano il significato, creare frasi e titoli ad effetto che sintetizzano al meglio la novità  con periodi brevi di al massimo 140 caratteri, ridurre al massimo il numero delle parole e dei numeri in ogni slide, ancora creare un effetto o un momento di sorpresa in ogni evento in grado di lasciare letteralmente in estasi il pubblico. Per introdurre ogni concetto Carmine Gallo ha analizzato nei dettagli ogni presentazione di Jobs fornendo una notevole serie di esempi per ogni tecnica individuata. Oltre ai segreti del mestiere di presentatore Steve Jobs è in grado di creare eventi ad effetto anche grazie ad un meticoloso lavoro di preparazione, secondo gli informatori di Gallo, Jobs dedica a ogni slide ore e ore di preparativi per non lasciare mai nulla al caso.

In ogni caso anche se i trucchi e le tecniche possono essere illustrate e trasmesse anche con un libro, Gallo precisa che gran parte dell’effetto delle presentazioni di Jobs è dovuto anche all’entusiasmo e alla passione che il Ceo più famoso del mondo nutre per il proprio lavoro. Quest’ultimo spiega Gallo “E’ spesso visto come una vera e propria missione per cambiare il mondo”, entusiasmo e ispirazione che Jobs è in grado di trasmettere al pubblico.