Il PC non è morto e Windows sta molto bene

di |
logomacitynet696wide

Bill Gates apre il Comdex di Las Vegas con una apologia del PC e di Windows. “Chi pensa che il futuro sarà di dispositivi poco potenti e con sistemi operativi leggeri, si sbaglia”.

Il PC non è morto e al suo interno, ancora a lungo, batteranno sistemi operativi prodotti da Microsoft. Questo il messaggio che Bill Gates ha lanciato ieri dalla tribuna dell’MGM, l’albergo di Las Vegas dove si è tenuta il keynote introduttivo del Comdex Fall.
Il fondatore di Microsoft nel discorso che ha formalmente aperto la maggiore rassegna autunnale di informatica negli USA, ha passato in rassegna alcuni di quelli che a suo giudizio altro non sono che luoghi comuni dell’attuale mondo dell’IT smontandoli uno per uno. Gates, più di ogni altra cosa, ha attaccato la convinzione secondo la quale progressivamente il PC verrà  sostituito da dispositivi meno complessi e meno dotati dal punto di vista della sofisticazione che poggerranno su server, al contrario, sempre più potenti. Questa convinzione, secondo Gates, è sbagliata. “Anche il più maneggevole dei computer – ha detto – avrà  bisogno della potenza dei PC. Mentre sui server gireranno potenti database, anche i client dovranno avere risorse adeguate per dialogare ed esplorare il contenuto di questi server”. Gates ha poi respinto anche la seconda “corrente estrema” quella che vuole il mondo dominato dalle connessioni peer-to-peer. “I server non spariranno, non torneremo indietro”. Insomma secondo Gates ci vorranno si i client, ma certo non client minimali ma molto vicini ai PC, in grado di far funzionare sistemi operativi complessi, sia server molto potenti per alimentare il progresso dell’informatica. Una filosofia alla cui base c’è, ovviamente, l’esigenza di mantenere vivi i settori chiave del business di Microsoft, ovvero Windows per i client, abbinato ad applicazioni come Office, che ha bisogno di veri PC per funzionare, e il settore dei prodotti per i server.
Gates ha poi presentato alcuni di questi nuovi “dispositivi” che non sono PC ma che hanno la potenza del PC. Prima tra tutti i la tavoletta PC, di cui abbiamo parlato qualche giorno fa. Sottile e leggera la tavoletta accetterà  input da una penna elettronica con la quale si controlleranno tutte le funzioni. Il suo rilascio è previsto non prima dell’inizio del 2002. Riflettori anche sulla X-BOX e su Stinger, un telefono cellulare intelligente a metà  tra il telefono, appunto, e il palmare. Inutile dire che all’interno di tutti questi dispositivi girano sistemi operativi Microsoft.
Gates ha poi presentato Office 10 che avrà  funzioni diverse da Office 2001: Mac. Ad esempio sarà  possibile editare il testo con la dettatura vocale e inserendo dei tags all’interno del testo includere nei documenti porzioni di documenti Web. Infine Gates ha annunciato che Microsoft ha sottoposto all’esame per l’adozione come standard di C# (pronuncia See Sharp, vedo distintamente), un linguaggio di programmazione che dovrebbe essere concorrente di Java e su cui si baserà  la strategia di distribuzione in rete di .Net, un altro dei progetti strategici di Microsoft.