Il Risiko è mio e ci gioco solo io

di |
logomacitynet696wide

Storie di ordinario copyright: un giovane sviluppatore statunitense si accorge che gli usi possibili di GoogleMaps – il portale per la visualizzazione delle cartine del mondo – sono molteplici e si reinventa il gioco del Risiko online, per divertimento degli amici e del popolo della rete. Sino a che non arriva Hasbro, la multinazionale dei giochi da tavolo, a guastargli la festa…

Se volevate una definizione di hacker che non sia quella piatta e stereotipata dei giornali, questo è un ottimo esempio. L’hacker è la persona che, con fantasia e ingegno, trova soluzioni inedite e creative oltre che giocose. Come il giovane americano Chris Hazen che, navigando tra le pagine di Google, ha capito che è possibile utilizzare GoogleMaps, il portale dedicato alla visualizzazione delle mappe di tutto il mondo, in mille modi creativi.

In rete c’è chi, con la benedizione di Google, lo usa per visualizzare mappe dei noleggi di auto, mappe con il costo del carburante nei distributori della benzina, mappe con il tasso di criminalità  in città , quartiere per quartiere. Insomma, Google utile per tutti, con esigenze serie e molto serie. Chris Hazen pensa: e chi vuol giocare? Detto fatto, la mappa del mondo diventa il buon vecchio tabellone del Risiko e tramite il sito del giovane programmatore in questione ecco che arrivano le partite online – assolutamente gratuite.

Ma chi programma, seguendo solo il proprio spirito di indomito creatore di codice e la fantasia di smanettone, ogni tanto si dimentica che nel mondo ci sono parole e concetti che non ci appartengono. Ad esempio, Risiko è stato registrato (e ha costruito legittimamente parte della fortuna) di Hasbro, la multinazionale dei giochi da tavolo. Quindi, una bella mattina, dopo qualche settimana di partite a Risiko, ecco che gli avvocati scrivono a Chris Hazen per dirgli: “smetti e non ci riprovare più”.

Il sito in cui era possibile giocare a GoogleMapsRisiko viene così sostituito da uno in cui si spiega in maniera sobria il perché e il percome della fine di questo divertimento online, aggiungendo anche la lettera di Hasbro.

Cosa succederà  adesso? Che non si giocherà  più a Risiko online, visto che il buon Hazen ha dovuto togliere tutto per non sobbarcarsi una causa legale che – a meno che non fosse molto ricco di famiglia – gli sarebbe costata anche in caso di vittoria un piccolo patrimonio…