Il WebKit è il primo browser a passare l’Acid Test 3

di |
logomacitynet696wide

Il framework alla base di Safari è il primo al superare completamente la nuova versione del famigerato test.

Maciej Stachowlak, membro del team che sviluppa il WebKit (il framework alla base di Safari e altre applicazioni), ha comunicato che l’engine è il primo della sua categoria a superare completamente il famigerato “Acid Test 3”, la nuova batteria di prove che attestano l’effettiva aderenza di un browser a determinati standard web (fogli di stile CSS, DOM, JavaScript) e diventato un incubo (o una sfida, secondo i punti di vista) per gli sviluppatori dei browser più importanti.

Il test consiste nell’eseguire una serie di compiti. A ogni superamento di una prova viene incrementato un punteggio (il minimo è zero, il massimo è 100). A marzo di quest’anno sia gli sviluppatori di Opera, sia quelli del WebKit avevano annunciato di essere riusciti a completare il 100% dei controlli previsti. Oltre alle varie prove, l’Acid Test 3 prevede che il browser esegui il rendering minuzioso di una pagina di test con accuratezza a livello di pixel usando le impostazioni di default e animi un testo omogeneamente.

Con l’annuncio di oggi, lo sviluppo del WebKit ha superato l’ultimo ostacolo che, a detta di Stachowiak, è stato rimandato per un po’ solo per concentrarsi sulla velocità  di JavaScript, sul modello a oggetti DOM e sul rendering.

Nessuno dei tanti browser ufficialmente disponibili al momento supera l’Acid Test 3. Secondo quanto riportato da Wikipedia, l’ultima versione di Safari (3.1.2) arriva a un punteggio di 75, FireFox 3.02 a 71. Opera 9.52 raggiunge il punteggio di 84. Pessimi i risultati di Internet Explorer (notoriamente poco aderente a qualunque standard): il browser made in Redmond, infatti, raggiunge un misero punteggio di 14.

Nelle build preliminari disponibili da qualche tempo nelle mani di sviluppatori e beta-tester, Safari 4.0 Developer Preview raggiunge il punteggio di 100%; l’engine “Gecko” presente nell’ultima build di FireFox arriva a 87, l’ultima build di Opera arriva a 99, il nuovo Chrome di Google raggiunge 79 e, infine, la recente beta del da poco disponibile Explorer 8 arriva a 21.

Tra i browser per i dispositivi mobile, l’attuale versione di Safari inclusa nell’iPhone arriva a 74, NetFront arriva a 11, Opera Mobile a 2, Opera Mini raggiunge il 79. La versione “Pocket” di Explorer non può eseguire i test a causa della mancanza di supporto di JavaScript.

[A cura di Mauro Notarianni]