Il mio papà  è (molto) più ricco del tuo

di |
logomacitynet696wide

Forbes pubblica la classifica degli uomini più ricchi d’America che conferma Gates al primo posto ed Ellison al secondo, ma la vera conferma è che la tecnologia domina i mercati e i portafogli degli americani.

Bill Gates e poi Larry Ellison. Questi i primi due uomini più ricchi d’America secondo la classifica compilata annualmente da Forbes. Ellison raggiunge per la prima volta il secondo posto a soli (si fa per dire…) 5 miliardi di dollari di distanza da Gates. La fortuna personale del fondatore di Microsoft si aggira infatti intorno ai 63 miliardi di dollari (circa 140.000 miliardi di lire) mentre Ellison, che è presidente e fondatore di Oracle (oltre che consigliere di amministrazione di Apple) si attesta a 58 miliardi di dollari di sostanze personali.
La crescita della ricchezza di Ellison, che lo scorso anno veleggiava in posizioni assai più anonime, è stata impressionante e tutta merito dell’impressionante balzo in avanti delle 696 milioni di azioni Oracle in suo possesso, quadruplicate nel loro valore dall’inizio dell’anno.
Al contrario i titoli nelle mani di Gates si sono ridotti di 22 milioni di dollari, effetto degli scossoni subiti da Wall Street in generale e dalle azioni Microsoft, in particolare, per mesi sotto i riflettori accesi dal processo per monopolismo illegale.
Il prossimo anno, se le cose andranno ancora bene per Oracle, Ellison potrebbe superare Gates. Il consiglio di amministrazione della sua società  ha infatti deliberato di concedergli un’opzione per l’acquisto di 20 milioni di azioni che potrebbero fruttare altri mille miliardi in 10 anni se il trend di crescita di Oracle sarà  del 10% l’anno. Ellison però, per poter usufruire dell’opzione ha dovuto rinunciare al suo stipendio annuale che era di circa mezzo miliardo di lire.
Da notare anche che la classifica dei più ricchi americani è letteralmente dominata da personaggi che hanno a che fare con la tecnologia. Al terzo posto si trova, infatti, Paul Allen co-fondatore di Microsoft che controlla ancora una buona fetta di azioni della società , al quinto c’è Gordon Moore, fondatore di Intel, al sesto Philip Anschutz, fondatore di Qwest Communications, una società  che lavora nel campo delle fibre ottiche, al settimo troviamo, infine Steve Ballmer, CEO di Microsoft.