Il nuovo iTunes 7, il contenitore digitale del futuro

di |
logomacitynet696wide

Oggi più che mai sembra che il ruolo del software-jukebox di Apple sia diventato centrale. Player, ma anche negozio, persino archivio, vero e proprio centro dello stile di vita digitale, media center reso facile, espandibile oltre la vendita di musica film e telefilm sino a diventare una sorta di macchinario invicibile e dalle mille sorprese.

Da scaricare, partendo dal sito di Apple, ci sono 24,5 MB di dati. Non tantissimi, se ci pensate, per mettere le mani sulla versione Mac (la versione Pc si scarica a partire dalla stessa pagina, ma ha una dimensione maggiore per la presenza di QuickTime) del player software digitale più diffuso al mondo. Il fatto è che oggi non si sa più come definire iTunes. E’ solo un software? E’ una piattaforma? E’ un intero mercato da solo? Di certo, è uno degli strumenti di base per riuscire a capire come funzioni il mondo moderno: in maniera digitale e tutto con i dati di iTunes e del negozio sempre più ricco che Apple sta costruendo.

Torniamo al nostro iTunes 7. Le novità  presentate da Steve Jobs durante la diretta di San Francisco di poche ore da sono di due tipi, fondamentalmente orientate alla gestione offline di quel che c’è nel nostro computer (Mac o Pc che sia) e nel nostro iPod (grande o piccolo che sia), oppure online per quel che si può comprare. In più, adesso la capacità  di comunicare con l’anello mancante, quell’iTV che si collega al televisore (il nome e il prodotto definitivo arriveranno nei primi tre mesi del 2007 a meno di 300 dollari negli Usa), iTunes ha sempre più il ruolo di “cervello” e memoria dell’hub al centro dello stile di vita digitale.

Quali sono le novità  in sintesi: nuova interfaccia a tripla modalità  per visionare i file: sia con le consuete linee di testo, oppure con le immagini delle copertine dei dischi oppure come una sorta di fila virtuale di diapositive che rappresentano le immagini dei dischi, film e telefilm. Il lavoro di Apple in questo senso è stato ottimo, rendendo iTunes più elegante e coordinato con le nuove funzioni, come ad esempio una razionale suddivisione del pannello di sinistra adesso in grado di gestire in maniera differente le periferiche, le librerie, le playlist e lo store.

Il nuovo iTunes cerca anche di andare a prendere le immagini – gratuite – dei brani che magari abbiamo scaricato dai nostri Cd, oppure offre la possibilità  di controllare con maggiore finezza che cosa è contenuto sul nostro computer. Perché adesso, in effetti, i contenuti cominciano ad essere parecchi, come si vede anche leggendo il nostro articolo relativo alle novità  del mondo del cinema.

Tra le novità  anche in comune con i vari nuovi iPod, quello della capacità  di leggere i brani “gapless” (ad esempio, i pezzi di musica classica o dei concept album degli anni Settanta, intesi come da suonarsi senza interruzioni tra la fine e l’inizio dei differenti brani) e la gestione dei dati di download in maniera più efficiente (adesso è possibile gestire le priorità  di quel che si sta scaricando in parallelo).

Ma è anche sulla parte online che iTunes comincia ad essere sempre più “potente”. Il software di Apple infatti costituisce la basa a partire dalla quale vengono raccolti tutti i tipi di informazioni che poi si possono utilizzare per acquistare film, telefilm e canzoni, oppure per i podcast audio e video gratis. In più, cambiano anche le modalità  per scorrere all’interno della lunga lista di opzioni adesso possibili sul negozio online, permettendo così di capire dove andare a comprare e che cosa.

Infine, iTunes riproduce i video a risoluzioni più elevate (così come gli iPod di quinta generazione), passando da 320 per 240 pixel a 640 per 480 e permettendo poi la gestione dei giochi (ognuno da 4,99 dollari per chi ha un account americano) dell’iPod e di tutte le altre piccole novità  che magari salteranno fuori nei prossimi giorni insieme a nuovi film oltre ai 75 già  presentati negli Stati Uniti. Al riguardo, Jobs ha dichiarato che per il 2007 conta di aprire anche in Europa la versione cinema del suo negozio. E su questo interverrà  anche l’effetto che probabilmente avrà  iTV, l’extender del computer di casa: in pratica un ricevitore che prende i contenuti dal Mac casalingo e li fa vedere in qualità  adattata sul televisore (magari a schermo piatto) di casa.

Cliccate sul bottone qui sotto per scaricare l’ultima versione.