Il padre di Copland alla Palm

di |
logomacitynet696wide

Palm sempre più rifugio di ex uomini Apple. La società  di Santa Clara affida il settore dell’Os al padre del fu Copland

Palm è da sempre porto di rifugio per ex managers di Apple. La maggior parte di essi, come Satjiv Chail, Doug Salomon e molti altri, hanno ruoli di rilievo nella decisione delle strategie della società  di Santa Clara.
Questo trend viene confermato dall’annuncio, fatto ieri sera, che ad un altro ex dipendente di Apple, David Nagel, viene affidato addirittura l’incarico di guidare la sussidiaria che si occuperà  dello sviluppo del sistema operativo.
Nagel è figura ben nota agli utenti Mac, in particolare a coloro che seguono le sorti del sistema operativo da qualche anno. Proprio Nagel era alla guida del settore sviluppo quando a Cupertino si tentò l’avventura Copland. Lo sfortunato sistema operativo che doveva divenire l’Os della nuova generazione naufragò e Nagel venne allontanato entrando a fare parte del management di AT&T con il ruolo di Chief Technology Officer. Con questo incarico era entrato a fare parte del consiglio di amministrazione di Palm e aveva curato, da consulente esterno, la creazione della divisione che si occuperà  del sistema operativo.
Ora a lui viene affidato in prima persona anche il compito di determinare strategie di crescita e di espansione dell’Os di Palm, un ruolo certo non facile visto il momento poco favorevole dell’industria.
Nagel però avrà  accanto a se un altro personaggio noto al mondo Mac. Si tratta di Steve Sakoman che era stato a capo del settore sviluppo del sistema operativo di Newton. Sakoman avrà  il ruolo di Chief Technology Officer nel momento in cui sarà  completata l’integrazione con gli assetti, appena acquistati, di Be.