Il ritorno della Yellow Box?

di |
logomacitynet696wide

Secondo alcune indiscrezioni, Apple potrebbe sorprendere gli sviluppatori con il rilascio di una versione moderna della “Yellow Box”, framework nato ai tempi di Rhapsody (il “nonno” di Mac OS X) e che permetterebbe di produrre applicazioni Mac e Windows direttamente da un unico ambiente di sviluppo.

La Yellow Box per PC, la tecnologia che avrebbe dovuto consentire lo sviluppo parallelo di applicazioni Windows e Mac in Rhapsody (quello che potrebbe essere considerato il “nonno” di Mac OS X) non sarebbe morta ma sarebbe stata segretamente tenuta in vita e permetterebbe di sviluppare applicazioni “universali” in grado – si favoleggia – di funzionare contemporaneamente su Mac OS X e Windows.

L’indiscrezione, più volte ascoltata nel corso degli anni passati, è ora rilanciata dai colleghi francesi di MacBidouille i quali affermano di aver saputo da un lettore (evidentemente ritenuto una fonte molto affidabile) che Apple avrebbe approntato una moderna versione del framework Yellow Box e che esso dovrebbe essere annunciato nel corso della prossima Worldwide Developer Conference, l’annuale appuntamento con gli sviluppatori che quest’anno si svolgerà  dal 9 al 13 giugno a San Francisco.

L’obiettivo sarebbe semplicemente quello di consentire agli sviluppatori di usare un unico sistema operativo per produrre applicazioni per Mac, Windows e iPhone. MacBidouille suggerisce che uno dei programmi che potrebbe essere stato testato e sviluppato con la nuova Yellow Box potrebbe essere Safari, da qualche tempo disponibile per tutti e tre i sistemi prima citati.

Rhapsody era il nome in codice del sistema operativo frutto dell’acquisizione Apple della Next alla fine del 1996, poco tempo dopo il ritorno “a casa” di Steve Jobs. Il sistema nasceva unendo il meglio di OpenStep, QuickTime e varie tecnologie del Mac OS classico.

Nella fase iniziale di sviluppo del nuovo sistema erano previste varie “scatole” e layer che avrebbero consentito la compatibilità  con i vecchi programmi: la “BlueBox” con il Mac OS Classic e la “Yellow Box”, API e librerie predisposte per la compatibilità  binaria con OpenStep e in grado di consentire lo sviluppo parallelo di applicazioni per sistemi operativi diversi. In seguito, con l’evoluzione del sistema operativo, Rhapsody divenne Mac OS X, la Yellow Box divenne quella che oggi è Cocoa ma lo sviluppo del framework per Windows non venne più (almeno ufficialmente) proseguito da Apple. Esistono implementazioni open-source della maggior parte dei componenti del framework Cocoa ma niente che sia ufficialmente supportato da Apple.

In basso, alcuni filmati “storici” che mostrano la vecchia implementazione della Yellow Box sotto Windows. Nel secondo filmato è possibile vedere l’antesignano dell’attuale Mail.

[A cura di Mauro Notarianni]