In Grecia iPhone sarà  di Cosmote?

di |
logomacitynet696wide

In Grecia la catena di prodotti elettronici Germanos, di proprietà  di Cosmote, principale operatore mobile ellenico, annuncia una dimostrazione di iPhone. Segnali su un futuro designato per il telefono cellulare di Apple nel vicino paese mediterraneo? Intanto gli utenti Mac locali continuano a dibattersi tra problemi di tutti i tipi per usare i computer della Mela.

iPhone in Grecia sarà  gestito da Cosmote? La prospettiva, vociferata da tempo, che sia il principale carrier di telefonia cellulare ellenico a commercializzare il telefono di Apple, è diventata più concreta alla luce di una pubblicità  apparsa nell’€™inserto domenicale dei quotidiani locali dove si annuncia il test drive del telefono presso il retailer Germanos, una realtà  che possiede ben 400 punti vendita in tutta la Grecia.

A mettere in relazione la prova di iPhone (pubblicizzata con lo slogan ‘€œPlease do Touch’€) con Cosmote è il fatto che il Germanos è di proprietà  proprio di Ote, il più rilevante gestore di telefonia che opera su mercato mobile con il marchio Cosmote; appare piuttosto improbabile che Cosmote pubblicizzi presso i suoi negozi un prodotto che sarà  gestito successivamente da altri carrier…

La notizia lascerebbe pensare anche ad un accordo di più vasta portata tra Apple e il gruppo Germanos: la società  che due anni fa ha venduto all’OTE la catena dei negozi di telefonia e gadget elettronici ad un prezzo stratosferico è infatti tuttora attiva nella distribuzione di personal computer e accessori ed è stato più volte ipotizzato che potrebbe essere proprio il gruppo Germanos il prossimo concessionario di Apple in Grecia.

Per ora però i greci, da anni vessati da politiche che rendono costoso e difficile essere utente Mac vivendo da quelle parti, restano con i piedi per terra. Nonostante la campagna “We Want Apple Greece” abbia portato circa 3100 firme in 9 mesi (che, tenendo conto delle percentuali del mercato in Grecia, meno dell’1%, e negli USA, più del 5%, e della popolazione statunitense 27 volte maggiore, le 3100 firme corrispondono a circa 420.000 negli USA) il contestato distributore greco Rainbow Computer non ha cambiato politiche di prezzi (sempre più alti), di assistenza (difficile e carissima), distribuzione (limitatissima, anche in città  come Atene, Pireo e Salonicco, praticamente inesistente in vaste aree geografiche) e di servizi (inesistenti). Questo in un contesto dove diventano attendibili le voci secondo cui Rainbow avrebbe gà  rinnovato il contratto con Apple.

Le voci potrebbero essere solo apparentemente in contraddizione con la presentazione dell’iPhone nella catena Germanos: l’iPod in Grecia è venduto tramite le catene Germanos e Plaisio e malgrado i prezzi sensibilmente più alti dal resto dell’Europa, gode di un’ottima affermazione. Potrebbe quindi essere possibile che anche per iPhone Apple scelga un canale diverso, assegnando a Germanos il telefono, lasciando a Raimbow la parte più prettamente informatica.

Grazie della segnalazione a Christos Robotis