In Venezuela Linux arriva per decreto

di |
logomacitynet696wide

Tutto il sistema informatico di proprietà  del governo venezuelano entro due anni passerà  a Linux. La disposizione arriva per decreto del presidente Chavez.

Il Venezuela migrerà  tutta il sistema informatico governativo su Linux. Un decreto in questo senso è stato pronunciato a fine dicembre dal presidente Hugo Chavez. Il ministero della scienza e tecnologia entro tre mesi predisporrà  il piano di migrazione che dovrà  essere completato entro due anni.

La scelta del Venezuela è la più radicale dell’€™intera america Latina dove pure esistono forti spinte verso l’€™open source a livello governativo. Il Brasile ad inizio anno aveva già  attuato scelte in questo senso, in Argentina esiste un forte movimento di base per l’€™utilizzo di Linux (il 42% delle imprese usa il sistema operativo del Pinguino), ma nessuna nazione aveva mai disposto per legge in ambito governativo la migrazione dai sistemi operativi proprietari verso quelli di libero utilizzo.

Secondo quanto riferito il Venezuela, che ha un’€™industria petrolifera molto sviluppata e di proprietà  del governo e un sistema infrastrutturale di proprietà  statale tra i più complessi del continente, potrebbe risparmiare annualmente 7,2 milioni di dollari in licenze. Nell’€™ambito della scelta esistono anche motivazioni pratiche visto che l’€™open source consente di localizzare e modificare liberamente il software senza dipendere dalle scelte del produttore