In questa tasca non c’è spazio per tutti e due

di |
logomacitynet696wide

Arriva oggi Pocket PC, il palmare di Microsoft. Lo costruiranno, tra gli altri Compaq e HP e avrà  come cuore tutto l’arsenale della societé di Redmond: Word, Excel, Internet Explorer. Nel mirino, per la sfida finale delle tasche informatizzate, c’é Palm.

Arriva oggi la sfida finale a Palm. Microsoft, infatti, nel corso di un evento che si terrà  nela tarda serata in Italia presenterà  tutti i segreti di Pocket PC.
Il palmare disegnato da Microsoft non sarà  costruito direttamente dalla società  di Redmond ma, sotto differenti nomi, da alcune società  hardware come Compaq e HP. Alla base ci sarà  però ancora Windows CE, il sistema operativo per palmari che nel corso degli anni passati ha faticato ad affermarsi per la sua intrinseca complessità  e difficoltà  di funzionamento che lo rendevano poco adatto a processori poco potenti come quelli dei computer tascabili.
Proprio un CE completamente rinnovato sarà  alla base di Pocket PC, più semplice, più veloce, meno difficile da programmare ed adattare alle varie esigenze. Grazie ai progressi compiuti da CE, dice l’ufficio stampa di Microsoft, i produttori hardware possono ora costruire macchine più affidabili e veloci, dei veri e propri computer tascabili che non hanno nulla di che invidiare ai computer da tavolo.
E proprio come accade nei computer da tavolo PocketPC avrà  tutto quello che gli serve per funzionare direttamente da Microsoft: un programma di scrittura, una versione ridotta di Excell, un e-mail client, un browser e perfino il Media Player per la riproduzione di filmati.
In attesa di avere tra le mani le caratteristiche finali in molti predicono che anche grazie all’imponente campagna stampa che verrà  lanciata nei prossimi giorni e al peso dei concorrenti in gioco Palm potrebbe trovarsi davanti un osso duro da mordere, anche se la società  che produce Pilot gode di un vantaggio importantissimo, il fatto di avere il 70% del mercato.