Installazione Xsan e Shake a Roma

di |
logomacitynet696wide

Presso una title house romana una mini xsan e di un cluster con 6 agenti mac per Apple Shake. Primo caso in italia di questa soluzione professionale realizzato da Bagnetti.

Nuova installazione all’avanguardia per Bagnetti. Il rivenditore Apple romano, uno dei principali riferimenti per il mondo Mac in centro Italia (e non solo) ha realizzato un cluster Shake, collegato ad una Xsan, la prima installazione di questo tipo nel nostro paese.

“Il nostro cliente – ci spiega Giancarlo Bagnetti – era la title house romana Shelter from the Storm, da sempre all’avanguardia nell’utilizzo di soluzioni video professionali. L’esigenza di Shelter era quella di avere 4 nodi server e due G5 collegati in QMaster Cluster per sfruttare il calcolo parallelo nelle operazioni di rendering di Apple Shake. Inoltre i due G5 sono collegati ad un quinto Xserve e a due Xraid via Fibre Channel costituendo così una mini Xsan che potrà  crescere in base alle loro esigenze”

Tecnicamente Bagnetti, con la consulenza di Gianluca Tamagnigni operatore Shake della Shelter, ha installato e collegato l’hardware, ha lanciato la formattazione in RAID 5 degli Xraid e poi installati le license Xsan sui server e sui client; da un portatile con Xsan Admin sono stati settati gli switches fibre channel, i client, predisposto le LUNS, realizzato i Pools ed infine assegnato le affinities e i Disk quota per gruppi di utente.

“Grazie all’Open Directory – dice Bagnetti – le Home Directory dei client risiedono su Xsan permettendo agli utenti di cambiare postazione e ritrovare sempre le loro preferenze utente. Per quanto riguarda il Cluster abbiamo dovuto installare Shake sia sui quattro nodi che sui due client e una volta attivati i servizi con QMaster abbiamo creato il Cluster con QAdministrator. Lanciando il render da un client si può vedere il processo simultaneamente su tutte le macchine collegate.

Facile no? Si ma a patto di essere un ASE Video con tecnici certificati sia sui server che su Xsan.

Maggiori informazioni e diverse fotografie dell’installazione sono disponibili a questo link.