Intel, ecco il futuro

di |
logomacitynet696wide

Computer componibili, laptop potenti come desktop, lo sbarco nel settore della telefonia “intelligente”. Ecco il futuro dei processori così come lo vede Intel che annuncia: “Entro il 2003 i primi PC con 3GIO”, lo standard che prenderà  il posto di PCI

I computer del prossimo futuro saranno più piccoli, dotati di sistemi di connessione senza fili, ovviamente più potenti ma anche di forme inusuali.
La predizione è di Intel che ha disegnato l’identikit del PC del domani basandosi sugli studi che il suo settore di ingegnerizzazione sta compiendo in questi mesi e che verranno applicati ai processori entro breve. Proprio le modifiche ai processori, secondo Intel, saranno in grado di influenzare il modo con cui i PC saranno realizzati ma con i processori ad incidere sul design dei desktop e laptop saranno anche altri sistemi allo studio da parte di Intel.
Tra questi 3GIO, un sistema per l’interconnessione dei circuiti e delle periferiche e che Intel prevede prenderà  il posto di PCI.
3GIO non solo sarà  più veloce dei bus PCI ma sarà  anche in gradi di superare alcuni dei vincoli e delle convenzioni che obbligano i produttori di schede madri a seguire design piuttosto rigidi nella loro elaborazione.
Tra i primi produttori a sfruttare le caratteristiche di 3GIO dovrebbe essere Dell che prevede tra la fine del 2003 e l’inizio del 2004 il rilascio dei primi PC della serie Evo-Revo che permetteranno una modularità  totale; periferiche e accessori potranno essere assemblati come se fossero pezzi di Lego, garantendo costi bassi e in un tempo la massima flessibilità  in fatto di funzionalità .
Novità , a brevissimo termine, sono attese da Intel anche nel settore dei laptop. I Pentium 4 della serie M, che si contraddistinguono per bassi consumi e dimensioni ridotte, già  tra qualche giorno. Le velocità  saranno tra gli 1.6 i 1.7 GHz e le dotazioni di alto livello, masterizzatori CD e lettori DVD con prezzi intorno ai 2000$. Versioni a velocità  più bassa verranno presentati più avanti con prezzi parallelamente più bassi.
Intel intende anche entrare nel settore dei chip per telefonia cellulare. La società  di Santa Clara ha sviluppato un processore integrato destinato proprio a questo segmento di mercato e che sarà  in grado di aumentare le potenzialità  dei telefoni rendendoli capaci di trasmettere anche dati senza alcun chip aggiuntivo. “Internet in un chip”, così l’ha definito Intel nel corso della sua conferenza mondiale degli sviluppatori, ridurrà  i costi di produzione dei cellulari intelligenti e il loro consumo risultando, sempre secondo Intel, la vera carta vincente in questo campo.