Intel, ecco un radio chip a 90 nanometri

di |
logomacitynet696wide

Intel spinge la legge di Moore anche nel campo dei chip radio. Presentato una componente con circuiteria da appena 90 nanometri. Servirà  ai dispositivi del futuro in grado di fare il roaming tra vari sistemi wireless.

Passo avanti di Intel nel campo del roaming wireless. La società  di Santa Clara ha infatti presentato il prototipo di un nuovo e rivoluzionario trasmettitore radio basato su tecnologia CMOS e circuiteria da 90 nanometri in grado di adattarsi in maniera intelligente alle frequenze disponibili.

Il trasmettitore, funzionale alla visione di Intel che prevede per il 2010 uno scenario in cui cellulari e computer saranno in grado di connettersi indifferentemente a tutte le reti wireless, indipendentemente dal loro standard, è il primo realizzato con tecnologia a 90 nanometri, la più avanzata tra quelle effettivamente applicate nel mondo dell’€™industria dei semiconduttori e decisamente più avanzata di quella normalmente impiegata nell’€™ambito dei chip radio CMOS che usano circuiteria da 180 se non 250 nanometri.

Grazie al salto generazionale Intel pensa di abbattere in maniera sostanziale i costi, le dimensioni e il consumo del sistema radio. Come ha spiegato Krishnamurthy Soumyanath, responsabile della divisione che si occupa dei circuiti per le trasmissioni, l’€™obbiettivo finale è quello di realizzare sistemi in grado di fare un roaming tra vari sistemi wireless e perché questo avvenga è necessario miniaturizzare e rendere compatibili dal punto di vista de consumi le componenti radio.

Per essere però effettivamente compatibili anche dal punto di vista economico questi chip saranno in futuro in grado di supportare ciascuno due differenti standard radio.