Intel, non siamo più tentati dalla Mela

di |
logomacitynet696wide

Il CEO di Intel Craig Barrett ammette che un tempo ambiva ad avere dalla sua parte Cupertino, ma ora con la percentuale di mercato di Apple a livelli tanto bassi la tentazione non è più così forte. Anzi dovrebbe essere Jobs a convincersi che è Intel a rappresetare un’opportunità .

Intel ha sempre avuto interesse a portare dalla sua parte Apple, ma ora questo interesse diventa sempre più debole. Questo il parere del CEO di Intel, Craig Barrett, espresso nel corso di un’€™intervista rilasciata a C/Net.

Secondo quanto dice Barrett la sua società  «sta ancora provando a convincere Apple ‘€œma, francamente, diventa sempre meno interessante ogni anno’€. Le ragioni del calo d’€™interesse sono tutte nella percentuale di mercato che possiede Cupertino. ‘€œQuando avevano il 10% delle vendite mondiali di PC si trattava di un tema di un’€™urgenza diversa, ma al 2% del mercato… Il nostro fatturato già  sale o scende del 2% tra un quarto e l’€™altro così che possiamo dire che saliamo o scendiamo di un paio di Apple’€.

Barrett fa capire non condividere o se non altro comprendere la strategia attuale di Cupertino che si sforza di attirare a sé l’€™utenza del mondo Intel quando invece ci si potrebbe chiedere ‘€œperché non fa un passo per portare il suo OS e cercare di competere con il restante 98% del mercato’€.

Il CEO di Intel conferma che l’€™operazione non sarebbe così difficile dal punto di vista tecnico visto che ‘€œil kernel di Mac OS funziona bene su Intel. Si tratta però di convincere Jobs’€

E anche per una seconda idea portata avanti da Intel Barrett invita a rivolgersi al CEO di Cupertino. Intel prospetta infatti un futuro in cui la virtualizzazione dei processori potrebbe rendere possibile l’€™utilizzo dei chip per fare giare diversi sistemi operativi. ‘€œQuesto vuol dire che grazie ad un solo chip potrebbe essere possibile far girare Mac OS X e Longhorn a seconda delle esigenze, magari usando Longhorn per le applicazioni business e Mac OS X per quelle personali. Ma anche qui – dice Barrett – dovrete prima convincere Steve che si tratta di una buona idea’€