Intel prende un brodino

di |
logomacitynet696wide

Intel raggiunge e supera di un solo cent le previsioni di profitto. Nessuno grida al miracolo ma il raggiungimento del (modesto) target suscita qualche speranza. Dalla Intel arriva però un ammonimento: “passi avanti solo dalla seconda metà dell’anno”

Intel raggiunge e supera, anche se di un solo cent, le previsioni di profitto del presente trimestre e apre qualche squarcio di sereno nell’orizzonte scuro del panorama dell’IT.
Il maggiore produttore di chips al mondo ha infatti annunciato ieri di avere conseguito un profitto di 37 cents per azione contro i 36 previsti dalla maggior parte degli analisti. In molti, però, credevano che quando i risultati sarebbero stati resi noti le notizie potevano anche essere peggiori visto il rallentamento senza precedenti subito dal settore informatico tra novembre e dicembre. La stessa Intel aveva già  abbassato le sue previsioni lasciando intendere chiaramente che il mercato è in corso di raffreddamento. La conferma del target di profitto, invece, ha dato un po’ di fiducia a chi spera che il futuro possa essere migliore.
Nessuno, però, pare fare previsioni di rilancio a breve termine. La stessa Intel invita a considerare che il trimestre in corso è tradizionalmente molto fiacco e che quest’anno potrebbe esserlo anche più che in precedenza per effetto del rallentamento del sistema economico a livello mondiale. Per questo Intel prevede un 15% in meno di fatturato rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e margini lordi più bassi.
Per avere un recupero sarà  necessario attendere la seconda metà  del 2001 quando dovrebbero prendere velocità  le vendite di Pentium 4. Il nuovo processore dovrebbe superare Pentium II in fatto di unità  vendute nel corso dei primi mesi del 2002.