Intel, sconti e ancora sconti

di |
logomacitynet696wide

Intel cerca di frenare la corsa di AMD offrendo chip in saldo. Alcuni tipi di processori verranno offerti con sconti anche del 40%. PC più economici all’orizzonte.

Intel cerca di frenare la corsa di AMD e per farlo abbatte i prezzi dei suoi chip anche del 40%. Lo sostengono alcune fonti vicine alla società  secondo cui il maggior produttore del mondo sarebbe molto vicino a lanciare questa campagna sconti.
La concorrenza di AMD, da tempo, si fonda sulla leva dei prezzi. Un sistema configurato con un chip della rivale, infatti, costa circa 150$ in meno di uno che contiene un Pentium o un Celeron.
A subire i tagli più consistenti sarebbero non solo i vecchi processori ma anche i nuovi Pentium 4 da 1.5 GHz che scenderebbero da 819 a 644$, ovvero 21%, la versione da 1.4 GHz scenderebbe del 23% fino ad arrivare ad un costo di 440$ e il Pentium III da 1 GHz addirittura scenderebbe del 43% per un costo di 268$, un prezzo paragonabile a quello dei processori di fascia consumer. A loro volta Celeron scenderanno verso i livelli più bassi di sempre con la versione da 766 a quota 112$ e quella da 733 ad 88$. Non mancheranno tagli importanti anche al mercato dei processori per computers portatili, un settore dominato da Intel.
AMD sostiene che i suoi attuali prezzi di listino sono sufficienti a tenere la concorrenza ma il mercato potrebbe essere sull’orlo di una guerra dei prezzi anche nel settore dei processori. I maggiori esperti però ritengono che per ora si è solo ai prodromi e il “conflitto” non deflagrare mai. Il fatto però che molti produttori di PC abbiano alte scorte di magazzino significa anche che i produttori di PC hanno alte scorte e che stanno cercando di liquidarle. “Ma in un momento di mercato debole – ha detto Mike Feibus di Mercury Research a C/Net – nessuno sembra volere davvero un conflitto in campo aperto”