Internet Explorer, adieu

di |
logomacitynet696wide

La polizia francese abbandona il browser di Microsoft in favore di Firefox. Troppi i rischi e le insicurezze rispetto al prodotto dell’Open Source. Il cambiamento toccherà  70mila desktop delle forze dell’ordine d’Oltralpe. E al posto di Outlook, arriverà  Thunderbird.

Se devi far rispettare la legge, devi anche avere gli strumenti giusti. E in ordine, ben funzionanti. Sulla base di questo ragionamento, la polizia francese ha preso la decisione di abbandonare uno degli strumenti più popolari e utilizzati nella vita quotidiana di tutti noi, vale a dire Internet Explorer, e sostituirlo con Firefox, il browser open source.

La decisione non è politica, basata su qualche tipo di nazionalismo (del tipo linguistico ai quali la Francia ci ha nel tempo abituati), piuttosto sulla considerazione che sia necessario essere sicuri ed efficienti quando si naviga in rete. Cosa che, a parere delle forze dell’ordine francesi, con il browser di Microsoft non accade.

Insieme ad Internet Explorer scompare dal desktop di 70mila poliziotti francesi anche Outlook, il client aziendale di posta elettronica più diffuso e prodotto anch’esso da Microsoft, che viene sostituito manco a farlo apposta da Thunderbird, il “compagno” open source di Firefox.

In Francia la popolarità  di Firefox è inferiore alla media europea: 18% contro il 20% dell’utilizzo nel Vecchio continente. Ma, a quanto pare, sta aumentando.