Intesa consumatori: sciopero dei telefonini il 15 luglio

di |
logomacitynet696wide

Anche se l’authority per le comunicazioni si e’ detta soddisfatta dei risultati della liberizzazione del mercato della telefonia, le tariffe del mobile in Italia rimangono sempre molto alte. Quattro associazioni di consumatori prendono l’iniziativa per una clamorosa protesta.

intesa consumatori sciopero telefoni

Intesa Consumatori. che riunisce sotto un’unica sigla ADOC, Adusbef, Codacons e Federconsumatori contesta la tariffazione attiva in Italia:
“Inutili scatti alla risposta, aumenti dei prezzi degli sms (15 centesimi di euro l’uno mentre in Francia il loro prezzo è sceso a 9 cent ), servizi inutili, promozioni truffaldine, chiamate ai telefoni fissi a prezzi da capogiro, loghi e suonerie che rappresentano solo l’ultimo business della telefonia mobile. Ma non finisce qui. Vi è anche la vergogna del roaming internazionale, già  denunciato dall’Intesa alla Commissione Europea, con tariffe misteriose e assenza di trasparenza sui costi a carico degli utenti italiani che vanno all’estero e che vogliono utilizzare il telefonino, e il business della number portability, con i gestori che trattenevano i crediti residui di chi cambiava compagnia e le enormi difficoltà  per conoscere il gestore a cui appartiene un numero da chiamare.”

Lo sciopero consiste nello spegnere il proprio telefonino dalle ore 12 alle ore 14 di giovedì 15 Luglio: nessuna telefonata effettuata e ricevuta, nessun sms spedito, nessun mms inviato o ricevuto.

Se l’iniziativa avrà  successo si prevede un minor introito per le compagnie di 500 milioni di euro, ma soprattutto un chiaro avvertimento sull’indisponibilità  degli utenti a sopportare una tariffazione confusa e dei costi particolarmenti alti.

Intesaconsumatori ha inoltre elaborato delle interessanti stime sulle spese telefoniche degli italiani, riferite alla telefonia mobile: ogni cittadino spende in media dai 4 ai 5 euro al giorno attraverso il telefono cellulare. Ma di questi solo una quota che va da 1,5 a 2 euro sono soldi effettivamente spesi per secondi reali di telefonate utili. Tutto il resto è assorbito da scatti alla risposta, arrotondamenti strani, sms non indispensabili, mms, richiamate a soggetti che avevano trovato il telefono spento o non raggiungibile, richiamate per linee che cadono…