Jobs: “PA Semi ci interessa per iPod e iPhone”

di |
logomacitynet696wide

Jobs in una breve intervista rilasciata ai giornalisti del Wall Street Journal conferma che Apple non ha alcuna intenzione di sostituire i processori Intel con componenti fatte in casa usando le tecnologie di PA Semi. “Ci interessa la loro esperienza per processori customizzati per iPhone e iPod”, dice il Ceo della Mela.

L’€™acquisizione di PA Semi non ha nulla a che fare con il settore computer di Apple ma nasce dalla volontà  di avere in casa esperti nel settore dei processori a basso consumo utilizzabili per i dispositivi portatili come iPod e iPhone. Questa volta, nel turbinare di voci dei giorni scorsi dopo l’€™annuncio dell’€™acquisizione di PA Semi, a confermare quanto già  diversi siti avevano sospettato è Steve Jobs.

Il capo di Apple ha avuto l’€™occasione di ribadire che nulla è cambiato nella relazione commerciale con la società  di Santa Clara a margine della presentazione dei risultati fiscali. Scambiando alcune parole con i cronisti del Wall Street Journal, Jobs ha di fatto spazzato via ogni ipotesi ‘€œcomplottistica’€, a cominciare quella che partiva dall’€™acquisto della società  californiana per lanciare messaggi sulla possibile fine della partnership con Intel.

‘€œIl nostro rapporto con Intel – ha detto Jobs – è eccellente e speriamo che duri per sempre’€. Il Ceo ha poi precisato che, appunto, l’€™acquisto di PA Semi non ha nulla a che vedere con il settore computer ma si indirizza al mercato dei dispositivi da tasca, iPhone e iPod in particolare. L’€™obbiettivo della Mela, come sostenuto da diverse fonti, era quello di ‘€œportare a casa’€ menti esperte nel settore dei processori a basso consumo. Da quanto si comprende non è neppure detto che Apple voglia disegnare processori in proprio, quando poter fornire elementi ai suoi partner per processori customizzati cosa che, sottolinea Jobs, è già  accaduta in passato.

Si sbaglia, dunque, chi è arrivare a ritenere che Apple sia intenzionata a tornare all’€™antico e a mettere sulle sue macchine processori PowerPc (come sono quelli disegnati da PA Semi). ‘€œFossi in voi – ha detto Jobs – non starei troppo ad arrovellarmi e a perdere tempo. Siamo più che soddisfatti del nostro rapporto con Intel’€