Jobs interrogato sul caso stock options

di |
logomacitynet696wide

Secondo alcune fonti giornalistiche Steve Jobs la scorsa settimana sarebbe stato sentito dalle autorità  federali e da alcuni membri della Sec sul caso stock options. Prosegue l’€™indagine su una vicenda che ha messo Cupertino in difficoltà .

Steve Jobs è stato sentito dalla Sec e dal Dipartimento di giustizia americano sul caso delle stock options. A riportare la notizia, che confermerebbe la prosecuzione dell’€™inchiesta da parte delle autorità  federali sulla vicenda che ha messo a disagio la società  di Cupertino, è la testata finanziaria Bloomberg News che cita a sua volta il periodico specializzato in vicende legali Recorder.

Secondo quanto si apprende l’€™interrogatorio sarebbe avvenuto a San Francisco la scorsa settimana. Di quanto si sarebbero detti gli inquirenti e il Ceo di Cupertino si sa nulla più che poco. Le parti in causa, l’€™avvocato di Jobs e l’€™ufficio del procuratore di San Francisco, hanno rifiutato ogni commento in merito.

La possibilità  che le autorità  federali decidessero di dare il via ad una azione indipendente per verificare in maniera diretta lo svolgimento dei fatti a margine dell’€™emissione delle stock options, era nell’€™aria da giorni. All’€™esame ci sarebbe la redazione della documentazione d’€™accompagnamento inviata alla Sec che potrebbe anche essere stata falsificata. In questo caso si passerebbe da una semplice infrazione alle norme fiscali ad un caso di rilevanza penale. Per questo sia la Sec che il Dipartimento di giustizia sono intenzionati a vederci chiaro e a capire se sia stata una disposizione per falsificare i documenti e chi sia stato ad ordinarla.

Ricordiamo che ad oggi la posizione formale di Apple è che Jobs, pur sapendo dell’€™emissione delle stock option a prezzi favorevoli e delle procedure non rispondenti del tutto alle norme della Sec, ha dichiarato conclusa l’€™inchiesta interna sollevando Jobs da ogni responsabilità  diretta. Secondo Cupertino l’€™operazione stock options sarebbe stata attuata sotto la responsabilità  di due ex manager mai citati in nessun documento ufficiale. Secondo fonti giornalistiche i due ex manager sarebbero Nancy Heinen, ex consigliere legale di Cupertino, e Freed Anderson, responsabile delle operazioni finanziarie di Apple.