Kazaa, il miglior amico dei film a basso costo?

di |
logomacitynet696wide

Kazaa non è solo uno strumento per scaricare musica e contenuti digitali in maniera illegale, ma anche per distribuire più facilmente ed economicamente i film. A pensarla così alcuni produttori della sterminata industria cinematografica indiana che lanciano un coraggioso esperimento.

Kazaa può essere non solo un sistema per scaricare illegalmente audio e video in maniera illegale, ma anche un buon strumento per la distribuzione a basso costo di materiale protetto da copyright. A pensare a questo utilizzo del software per lo scambio di file on line sono state alcune case di produzione dello sterminato e vivacissimo panorama della cinematografia indiana. Bollywood, così viene famigliarmente chiamato il sistema che ogni anno produce più di 1000 film, ha infatti lanciato un originale e innovativo servizio di “affitto” dei loro film usando proprio Kazaa.

L’iniziativa fa capo a IndiaFM, un gruppo di trentacinque produttori che hanno stretto un’alleanza con l’australiana Sherman Networks, proprietaria di Kazaa, per immettere sul circuito mondiale i loro film richiedendo un compenso per la visione. Gli utenti scaricano grazie a Kazaa le pellicole, pagano una cifra intorno ai 3 dollari per la visione e si godono il film a casa loro. Una volta visto il film si “autodistrugge” e non può essere copiato grazie ad un sistema di protezione dei diritti digitali.

Il risultato è che le case di produzione possono distribuire in tutto il mondo i loro prodotti, in particolare alla comunità  indiana che vive al di fuori del paese (20 milioni di persone sparse in vari continenti, specie Inghilterra, oceania e USA) a costi molto bassi e una tempestività  impossibile per altri media.

Inizialmente Sherman e IndiaFM distribuiranno attraverso Kazaa solo materiale promozionale. Nel corso del 2004 partirà  la vendita vera e propria con la speranza che l’esempio determinato dai produttori Indiani possa servire a spingere anche in altri stati del mondo ad un esperimento coraggioso ma che se si dimostrasse felice dischiuderebbe nuove prospettive per Kazaa e per l’industria cinematografica a basso budget.