Knights Corner, da Intel un progetto con 50 core

di |
logomacitynet696wide

Da Intel il prototipo di un progetto destinato ai segmenti dell’High Performance Computing come l’esplorazione, la ricerca scientifica e la simulazione finanziaria o meteorologica. La nuova architettura permetterà di ottenere capacità di calcolo di diversi PFlops, mantenendo nel contempo i benefici e il supporto ai software X86.

In seguito all’abbandono di Larrabee e allo spostamento delle risorse tecniche interne, Intel ha annunciato il prototipo di un progetto denominato ”Knights Corner” e  destinato ai segmenti dell’High Performance Computing come l’esplorazione, la ricerca scientifica e la simulazione finanziaria o meteorologica. Il progetto verrà realizzato con il processo di produzione a 22 nanometri (nm), impiegando strutture di transistor talmente piccole da arrivare a 22 miliardesimi di metro, e utilizzerà la Legge di Moore per arrivare a oltre 50 core di elaborazione in un singolo chip.

Sono al momento in distribuzione a un selezionato numero di sviluppatori di settore i kit di sviluppo e progettazione, nome in codice “Knights Ferry”, mentre nella seconda metà del 2010 Intel amplierà il programma per offrire tool di sviluppo per l’architettura MIC (“Many Integrated Core”). Strumenti software e tecniche di ottimizzazione comuni tra l’architettura MIC e i processori Xeon supporteranno diversi modelli di programmazione che metteranno a disposizione di scienziati, ricercatori e ingegneri. L’architettura MIC è il risultato di diversi progetti Intel, tra cui ”Larrabee”, e di progetti di ricerca di Intel Labs, ad esempio il Single-chip Cloud Computer . 

[A cura di Mauro Notarianni]