Kodak, azione legale contro Apple

di |
logomacitynet696wide

Kodak lancia un’azione legale contro Apple. Nel mirino alcune tecnologie per l’elaborazione delle immagini digitali implementate in iPhone. “Non vogliamo bloccare le vendite del telefono, ma solo ottenere la giusta ricompensa per quel che ci spetta di diritto”

Anche Kodak, dopo Nokia, querela Apple. Se nel mirino della società  finlandese c’€™erano una pletora di tecnologie utilizzate da iPhone e iPod, in quello della specialista delle fotografia ci sono principalmente iPhone e il suo sistema per le immagini digitali. Apple viene citata per avere utilizzato senza avere il diritto di farlo, alcune tecnologie per l’€™anteprima delle immagini e la gestione di immagini a differenti risoluzione nel suo iPhone, così come RIM, che figura pure negli incartamenti presentati alla Federal Trade Commission, ha violato gli stessi brevetti nei suoi Blackberry. Apple è stata sottoposta all’€™attenzione alla corte distrettuale del Western District di New York anche per altri brevetti usati nel campo dell’€™elaborazione delle immagini e delle tecnologie nella foto digitale.

Kodak nel comunicato distribuito alla stampa sottolinea il denaro investito per creare un portfolio di tecnologie di eccellenza, concesso in licenza ad una trentina di società  che operano nel settore dei dispositivi mobili, tra cui LG, Motorola, Nokia, Samsung, e Sony Ericsson.

La società  americana ricorda di avere già  ottenuto da un giudice il riconoscimento dei suoi diritti nel contesto di un’€™azione legale simile ed intentata contro Samsung. La seconda querela viene ritenuta da Kodak sovrapponibile ad una precedente lanciata contro Sun; anche in questo caso un giudice ha dato ragione a Kodak.

Nella querelle che oppone Kodak ad Apple e RIM, viene richiesto che un intervento che proibisca l’€™importazione dei dispositivi che infrangono i brevetti; nel caso che coinvolge la sola Apple, Kodak chiede che ad Apple sia proibito di continuare nella sua azione di infrazione ai brevetti e un risarcimento economico.

Nella nota diffusa alla stampa Kodak sottolinea di non essere interessata ad ‘€œimpedire la disponibilità  dei prodotti, ma ad ottenere – dice Laura G. Quatela, Chief Intellectual Property Officer, e Vice President di Eastman Kodak Company – la ricompensa dovuta per l’€™utilizzo delle nostre tecnologie. C’€™è una questione di fondo che riguarda la correttezza dei comportamenti che deve essere soddisfatta. Questi dispositivi utilizzano tecnologie Kodak e noi stiamo cercando semplicemente di avere il giusto ritorno economico per il loro utilizzo. Rimaniamo aperti ad una negoziazione che parta su presupposti di equità  per raggiungere un accordo amichevole con Apple e RIM. Cerchiamo di evitare azioni legali nei nostri programmi di licenza quando questo è possibile, ma quando l’€™infrazione diviene persistente agiamo per difendere gli interessi dei nostri investitori e dei nostri licenziatari e per promuovere la giusta ricompensa che è il fondamento principale dell’€™innovazione»