Kodak contro Sony nella foto digitale

di |
logomacitynet696wide

Kodak querela Sony. ‘€œUsano senza permesso nostri brevetti nell’€™ambito della foto digitale’€. Altri produttori di macchine fotografiche nel mirino?

Kodak contro Sony nel campo della fotografia digitale. La società  americana, leader nel campo dell’€™immagine ‘€œanalogica’€, ha infatti querelato il colosso giapponese con l’€™accusa di avere usurpato alcuni dei suoi brevetti impiegandoli senza permesso di prodotti per il digital imaging.

I dettagli sulla vicenda legale, che ha preso le mosse ad inizio settimana, sono ancora piuttosto scarse. A margine si è appreso solo che sarebbero una decina di brevetti, rilasciati tra il 1987 e il 2003, che secondo Kodak Sony avrebbe utilizzato senza licenza. Kodak sarebbe al corrente del loro illecito impiego dal 2001 e avrebbe cercato di negoziare un accordo prima di procedere a vie legali.

La società  di Rochester possiede un migliaio di brevetti nell’€™ambito della fotografia digitale, diversi dei quali sono venduti anche a concorrenti in questo ambito. Ad esempio sia Olympus che Sanyo impiegano su licenza brevetti di Kodak. La durezza della posizione di Sony e le rivendicazioni di Kodak sono spiegabili con la posizione sul mercato delle due realtà  coinvolte nella vicenda. Ambedue sono al vertice delle vendite nelle macchine fotografiche digitali sul mercato americano e guardano l’€™un l’€™altra come ad un pericolo reciproco.

Da parte sua Kodak, probabilmente, cerca anche di difendere una posizione, quella di leader mondiale nella fotografia, che corre il rischio di essere vanificato dall’€™emergente mercato dell’€™immagine digitale in cui concorre con nuovi e potenti protagonisti, come la stessa Sony.

Secondo alcuni osservatori la causa contro Sony, che respinge ogni accusa, potrebbe non essere l’€™unica intentata da Kodak nell’€™ambito della fotografia digitale. Probabile che nei prossimi giorni possano finire su banco d’€™accusa anche altri protagonisti del campo della fotografia digitale. Kodak conferma, infatti, di avere aperto un tavolo di trattativa con altri produttori di macchine fotografiche digitali sugli stessi argomenti che l’€™hanno portata allo scontro con Sony.