La Rai porta le video guide e contenuti multimediali su iPad

di |
logomacitynet696wide

La Rai sbarcherà su iPad con video guide in alta definizione per le città d’arte e i musei italiani, oltre a una serie di contenuti multimediali creati su misura per il tablet e i tascabili della Mela. L’operazione curata da RAI Trade è stata annunciata ieri da Carlo Nardello, amministratore delegato di Rai Trade. Un viatico per nuove operazioni di più vasta portata in vista dell’apertura dello store video su iTunes?

La Rai sta già lavorando a una serie di video guide in alta definizione per le città d’arte e i musei italiani che saranno disponibili per iPad e anche per gli altri tascabili della Mela. L’annuncio del nuovo progetto che interessa il tablet della Mela, non ancora disponibile ufficialmente nel nostro Paese, è stato comunicato ieri da Cannes da Carlo Nardello, amministratore delegato di Rai Trade.

“Siamo stati i primi in Europa a raggiungere un accordo del genere con la Apple” si legge su blog del La Stampa a cura di Bruno Ruffilli, il dirigente di Rai Trade in occasione del MipTV, riferendosi al contratto stipulato con la Mela tre anni fa per la pubblicazione e la commercializzazione di materiali audio/video tramite iTunes.

“I nostri contenuti multimediali sono pronti per il mercato iTunes” ha dichiarato inoltre Carlo Nardello riferendosi al nuovo progetto presentato proprio a Cannes. Rai Trade ha presentato il progetto delle video guide HD per iPad a oltre 250 operatori TV di tutto il mondo. Si tratta di video guide turistiche per le città d’arte e i musei, una libreria di contenuti a cui gli utenti potranno accedere direttamente dai propri dispositivi della Mela da ogni parte del mondo.

Al momento non ci sono altre informazioni su operazioni che coinvolgono Apple e Rai, ma l’accordo lascia ben sperare anche per il debutto su iTunes di altri contenuti della TV di stato che crea un enorme quantità di materiale tra programmi film, giornalisti, documentari e fiction, tutti utilissimi nel caso Cupertin decidesse di aprire anche nel nostro paese una sezione video che attualmente non è presente nel nostro paese.