La crisi economica favorisce l’acquisto di iPhone?

di |
logomacitynet696wide

La crisi economica sembra non colpire iPhone ma favorirlo: aumenta il numero di clienti con reddito al di sotto della media americana. Merito, dice chi ha scritto la ricerca, del fatto che il telefono della Mela è un “all in one” che può sostituire diversi prodotti e diversi acquisti.

La crisi economica potrebbe rivelarsi un vantaggio piuttosto che uno svantaggio per iPhone. Questa la sorprendente conclusione cui si può giungere scorrendo i risultati di un sondaggio svolto da CommScore che ha indagato l’andamento del mercato del telefono nel corso delle ultime settimane.

Secondo la ricerca, negli Usa ad acquistare il telefono sarebbero, al contrario di quello che si pensa, persone con un reddito più basso di quello della media. iPhone avrebbe visto crescere il numero dei clienti con reddito famigliare tra i 25mila e i 50mila del 48% contro il 21% complessivo del mercato di iPhone

La ragione di questo fenomeno sarebbe nelle funzionalità  di iPhone che abbina in uno solo dispositivo varie funzioni: telefono, browser Internet, sistema di connessione e player musicale. In pratica chi sta cercando di sfruttare i media moderni trova in iPhone una sorta di “coltellino svizzero” pronto all’uso e anche economico rispetto a quanto sarebbe immaginabile dovendo acquistare più prodotti. La fascia di reddito di cui si sta parlando sembra essere in genere più interessata al broadband mobile e agli smartphone. In questo segmento i telefoni cellulari intelligenti sono cresciuti del 16% contro il 12% del mercato, l’uso di un navigatore mobile del 4,9% contro il 2,7% e l’uso di un telefono per sentire canzoni è salito del 4,7% contro un calo medio dello 0,3%.

Secondo altre fonti, citate dal Wall Street Journal, un aumento del numero di clienti con reddito al di sotto della media americana è dovuto semplicemente al calo di prezzo di iPhone che a 200$ rappresenta ora un prodotto di grande appeal, soprattutto in virtù dell’immagine che esso ha sempre avuto.