La riscOSsa dei vecchi OS

di |
logomacitynet696wide

Dal ritorno di BeOS alla possibilità  di trasformare un Commodore 64 in un web server: la riscoperta di vecchi sistemi operativi tra nostalgia e maestria nella programmazione.

OS alternativi alla riscossa: come vi avevamo anticipato qualche settimana fa , BeOS è quasi pronto a risorgere e il BeOS Journal pubblica i primi screenshot di Zeta, uno spin-off basato sul codice originale della versione 6 beta, che dovrebbe essere compatibile con il 90% delle applicazioni per Be esistenti.

Ancora più sorprendente: avevate mai pensato di recuperare il vecchio Commodore64 che avete in soffitta per farne qualcosa?
Si, ma cosa?
Adesso lo sapete: potete tradformarlo in un server web!

Non è uno scherzo, il progetto Contiki (http://dunkels.com/adam/contiki/) ha portato sul glorioso C64 (CPU 6510 8 bit a 1 MHz, 64 k RAM) e su altri cimeli d’epoca e non (PCEngine, Gameboy, Atari 8-bit, Atari Jaguar, Atari Lynx, Apple ][, VIC-20, CBM PET, Plus/4, Tandy CoCo, Sharp Wizard, Casio PocketViewer, Sega DreamCast, Sony Playstation) un sistema operativo completo di ambiente desktop skinnabile, di kernel multitasking, di stack tcp/ip, di browser internet e di un personal webserver.

Sulle pagine del sito ci sono anche le indicazioni su come collegare il C64 ad una rete Ethernet e il link ad una pagina servita proprio da uno degli antichi home computer di Commodore.

Come si dice in questi casi: chapeau!
[A cura di Marco Centofanti]