La settimana della WWDC

di |
logomacitynet696wide

La settimana che si sta per aprire sarà  segnata dalla conferenza mondiale degli sviluppatori. Un evento che si annuncia ricco di sorprese e di novità 

La settimana che si apre domani sarà  segnata dalla WWDC, la conferenza mondiale degli sviluppatori Apple.
L’appuntamento, il maggior evento mondiale per terze parti e tutti coloro che operano professionalmente nell’ambito dei prodotti per il sistema operativo Mac, si inaugurerà  con la conferenza di Steve Jobs. I contenuti del discorso sono in parte noti. Apple ha infatti preannunciato che il CEO presenterà , infatti, Jaguar, la prossima implementazione di Mac OS X. Al momento dell’update si conosce pochissimo. Alcuni siti hanno rivelato che torneranno dettagli mai sufficientemente rimpianti dell’interfaccia, come le cartelle ad impulso, ma i dettagli sono estremamente scarsi. Neppure il nome è certo: si chiamerà  Mac OS 10.2 o 10.5? Sarà  a pagamento o gratuito? Come verrà  distribuito? Quando sarà  pronto? Secondo alcune fonti, poi, potrebbero esserci anche grandi novità  nell’ambito del sistema operativo stesso, novità  di cui beneficeranno produttori e utenti finali.
Oltre al nuovo OS non si esclude che Jobs possa presentare nuove grandi applicazioni convertite per Mac OS X. Apple ha più volte detto nei giorni scorsi che molti sviluppatori di ambito scientifico, didattico e commerciale, stanno guardando con interesse al nuovo OS. Alcuni di questi potrebbero cogliere l’occasione per annunciare nuove release o il loro sbarco sul pianeta Apple.
Per l’hardware si attendono dettagli su nuovi sistemi di connettività , come FireWire 2 e, soprattutto, Bluetooth che Apple ha abbracciato con decisione nei giorni scorsi.
Insomma, quella che sta per aprirsi potrebbe essere la più interessante delle WWDC degli ultimi anni e gli utenti Mac, anche quelli che non sono specificatamente interessanti al campo della programmazione e dello sviluppo, faranno meglio a tenere le orecchie ben aperte per ascoltare il “battito” della Mela che arriverà  da San Josè