Le novità  della versione server di Mac OS X Snow Leopard

di |
logomacitynet696wide

Nuove funzionalità  anche per la futura versione server di “Snow Leopard”: numero illimitato di licenze client, “Podcast Producer 2” (per automatizzare la creazione e la pubblicazione di podcast), “Mobile Access Server” (per accesso sicuro a servizi di rete protette da firewall per iPhone), WikiServer 2, Address Book Server, iCal Server 2 e molto altro.

Nel corso della WWDC di San Francisco Apple ha presentato agli sviluppatori anche una anteprima della futura versione server di “Snow Leopard”; questa versione presenta tutti i vantaggi della controparte client, sarà  anch’esso distribuito a settembre ed Apple afferma che è fino a 2 volte più veloce della versione precedente. Tra le nuove funzionalità  più interessanti troviamo “Podcast Producer 2”, per automatizzare la creazione e la pubblicazione di podcast, e “Mobile Access Server”, per accesso sicuro a servizi di rete protette da firewall per iPhone.

Podcast Producer 2 comprenderà  un’applicazione denominata “Podcast Composer” per l’automatizzazione del processo di produzione, in grado di semplificare la creazione dei podcast. Con pochi clic sarà  possibile crea il flusso di lavoro per aggiungere titoli, transizionied effetti, salvare nel formato desiderato e condivide il risultato in wiki, blog, iTunes, iTunes U, Final Cut Server o nella nuova Podcast Library.

Mobile Access Server è un sistema per gli utenti Mac OS X e e iPhone, per accedere ai servizi sicuri di rete, tra cui i siti aziendali, le applicazioni business online, l’email, i calendari e icontatti. Senza necessità  di ulteriori software, il sistema fornisce una forte criptatura e autenticazione tra gli utenti iPhone o Mac di un network privato.

Snow Leopard Server offrirà  un numero illimitato di licenze permettendo di avere un sistema con un rapporto prezzo/prestazioni e caratteristiche di grandissimo valore per l’hosting web, applicazioni, condivisione di file e mail. Il sistema operativo sarà  completamente a 64-bit e in grado di sfruttare pienamente i processori multi-core, indirizzare enormi quantità  di memoria, pur rimanendo completamente compatibile con le applicazioni a 32-bit.

Altre importanti funzionalità  da ricordare, sono:

– Wiki Server 2, un sistema collaborativo online che offre la capacità  di vedere i contenuti wiki su iPhone e l’anteprima degli allegati con Quick Look o ogni browser moderno;
– Address Book Server, basato sullo standard aperto CardDAV, offre un sistema centralizzato per immagazzinare e accedere ai contatti personali attraverso Mac multipli e iPhone sincronizzati;
– iCal Server 2, anch’esso basato sullo standard aperto CalDAV, offre l’accesso web-based al calendario e la capacità  di vedere gli inviti agli appuntamenti e i rispettivi dettagli con iPhone OS 3.0;
– un nuovo motore Mail Server che supporta il push email, in modo che gli utenti possano accedere immediatamente ai nuovi messaggi;
– Quicktime X HTTP Live Streming, che permette aggiustamenti dinamici della qualità  di riproduzione dei filmati per adattarsi alla velocità  disponibile della rete;
– NetRestore, una nuova funzionalità  nel System Image Utility, che permette il ripristino personalizzato sfruttando una immagine-disco prelevabile dalla rete;
– iPhone Configuration Utility, un software per la configurazione di iPhone multipli con informazioni, policy di sicurezza, configurazioni mail e certificati di cui si necessita per connettersi e comunicare con i sistemi aziendali.

Mac OS X Snow Leopard Server sarà  distribuito nel settembre 2009. Una versione upgrade sarà  disponibile per tutti gli utenti che hanno acquistato i sistemi Xserve qualificati dall’8 giugno 2009 alla fine del programma, il 26 dicembre 2009. I prezzi saranno definiti al lancio.
[A cura di Mauro Notarianni]