Licenziamenti a Napster

di |
logomacitynet696wide

Napster licenzia 10 manager. Alcuni siti specializzati in musica digitale: “E’ la conferma che il loro business non funziona”. Per la casa californiana è tutto falso: “Siamo vivi e vitali e i nostri clienti crescono”

Napster licenzia. La conferma della riduzione di personale, ipotesi avanzata alcuni giorni fa da alcuni siti specializzati in musica, giunge dalla casa californiana che ha annunciato il taglio di 10 manager dal suo staff. Napster in un comunicato sottolinea come i licenziamenti, che corrispondono a circa al 7,5% della sua forza lavoro (composta da 153 dipendenti), sono determinati da sovrapposizioni d’incarichi, causate dal consolidamento di alcune attività .

Napster approfitta dell’occasione per ribadire che i tagli non sono da intendere come un ridimensionamento né la conferma delle voci secondo cui la società  starebbe meditando o la cessione dell’attività  o addirittura la chiusura: “il 100% di crescita anno su anno, 500.000 abbonati e il secondo posto nella classifica mondiale dei siti di vendita di musica on line parlano da soli in termini di salute della società  e di prospettive”.

Nonostante le rassicurazioni la maggior parte degli analisti ritiene che Napster sia di fronte, in ogni caso, ad un difficile passaggio della sua esistenza. L’incremento della concorrenza significa anche un aumento sostanziale della competitività . “Si apprestano a giungere ad una fase – dice Phil Leight di Digital Media – durante la quale aumentare la quota di mercato sarà  difficile”