Linux e IBM, ecco i nemici

di |
logomacitynet696wide

Microsoft punta il dito contro i suoi veri nemici: “Sono Linux e IBM. Impediscono lo sviluppo di .NET”. Intanto Redmond lancia la sfida della ricerca e sviluppo: 5000 nuovi posti lavoro per nuove soluzioni software

Sono rispettivamente Linux e IBM le due minacce principali per Microsoft e la sua strategia. Ad indicare come “nemici” il sistema operativo del Pinguino e Big Blue è stato lo stesso Bill Gates, nel corso di un incontro che si è tenuto ieri presso la sede di Redmond.

Le dichiarazioni rientravano nel contesto del tradizionale faccia a faccia con gli azionisti e che viene utilizzato da Microsoft per fare anche il punto sulle sue strategie future e le prospettive di sviluppo.

Gates ha indicato .NET come il principale strumento di espansione per Microsoft e che come tale proprio in questo ambito verranno destinate le maggiori risorse e le maggiori attenzioni. Tra i nemici di .NET, appunto, ci sono IBM e Linux il cui posizionamento sul mercato per diversi motivi incrocia la strada con la strategia di Microsoft.

Redmond ha anche annunciato che con 46 milioni di copie Windows XP è al momento il più grande successo di sempre in fatto di sistemi operativi. Il nuovo OS ha superato, a parità  di tempo dal rilascio, del 230% la diffusione, di Windows 95 e del 160% quella di Windows 98.

Un po’ meno bene vanno le cose per .NET che fatica ad affermarsi

Microsoft ha poi detto di avere in sviluppo una nuova versione di Windows, nome i codice Longhorn, che sarà  rilasciata nel 2004. Prima di allora varie versioni di Windows però faranno la loro comparsa su diversi dispositivi, dai cellulari, ai palmari, alle consoles, alle set top box.

In futuro Microsoft dovrà  però dedicare grande attenzione allo sviluppo di nuove tecnologie e per questo investirà  in 5000 nuovi posti di lavoro nel settore ricerca e sviluppo portando a circa 50.000 i dipendenti che operano direttamente nella società