Lo show di YouTube e Bill Gates a Davos

di |
logomacitynet696wide

Uno dei più importanti forum dell’economia mondiale ha visto nella giornata di ieri la presenza di due tra gli uomini più ricchi del mondo. Che vogliono rendere ricchi anche gli altri, descrivendo il futuro che ci aspetta

La differenza non è cosa da poco: per Bill Gates sta arrivando l’era della convergenza. Il passaggio dalla televisione come la conosciamo oggi ad una che tra cinque anni – dice Bill – ci farà  meravigliare di come sia stato possibile per così tanto tempo rimanere ancorati a quell’oggetto della preistoria che ci intrattiene nei nostri salotti.

L’era della televisione convergente vuol dire passare a Internet, e i grandi fornitori di accesso (ma anche Google, sostengono alcuni) si stanno attrezzando con una serie di super-datacenter che permetteranno il transito di quantitativi enormi di dati in streaming necessari ai servizi televisivi over IP e on demand. Ma vuole anche dire un’altra cosa, che viene chiarita dall’intervento di uno dei due fondatori di YuYube, Chad Hurley.

Secondo il neo-miliardario, che con il suo partner rimane uno degli uomini chiave anche dopo l’acquisizione di YouTube da parte di Google, infatti, nel prossimo futuro i 70 milioni di video visti ogni giorno da YouTUbe porteranno profitti anche nelle tasche di chi li mette online. L’idea è quella di mettere un po’ di soldi nelle tasche anche del web sociale che contribuisce alla creazione di valore di questa (come di altre) società .

La perplessità  non sta tanto nella furbizia con la quale Google-YouTube è riuscita a scegliere il palcoscenico di Davos non tanto e non solo per parlare del futuro ai leader dell’economia mondiale quanto per fare una parziale presentazione del proprio modello di business nel medio-lungo periodo, quanto nel piano stesso. Google-YouTube porterà  micro-profitti nelle mani degli artisti digitali che si esprimono in rete sulla sua piattaforma. E poi? Ci penserà  la pubblicità  a pagare tutte le bollette?