MACWORLD All`Expo non piace giocare

di |
logomacitynet696wide

Microsoft e Apple insieme per portare verso MacOs titoli della casa di Redmond. E` questa la migliore ma anche una delle pochissime notizie che arrivano dal settore dei giochi in questo Expo.

New YorkSara` anche il piu` importante dei MacWorld della storia recente di Apple, ma almeno per quello che riguarda i giochi e` difficile attribuire l`aggettivo storico all`evento cui stiamo assistendo.L`unico segnale davvero interessante si e` avuto ieri, quando sul palco dell`Expo e` salito Ed Fries, il manager di Microsoft che gestisce il settore dei giochi. Il dirigente-ragazzino (a occhio e croce avra` non piu` di ventiquattro anni) ha annunciato il supporto pieno alla piattaforma Mac. Per il resto poco o nulla.Gli stand delle societa` che si occupano di titoli ludici si contano sulle punta delle dita di una mano, non c`e’ neppure il consueto campionato americano di giochi Mac. Un panorama sconsolante se si pensa a quale enfasi Apple ha sempre posto dal ritorno di Jobs in questo settore. Ad aggravare il tutto il fatto che le schede grafiche 3D di cui si e` sentito parlare nei mesi scorsi aleggiano nell`aria ma faticano a materializzarsi come prodotti reali.L`unica eccezione a questa regola arriva da 3Dfx caparbiamente impegnata a promuovere la sua Voodoo 5 con uno stand che e` diventato il polo catalizzatore di chi ha interesse per i giochi. Presso lo stand di 3dfx ci sono infatti non solo i prodotti basati sui nuovi chip, ma anche una serie di titoli in corso di sviluppo come Rune e Oni (quest`ultimo solo in filmato non interattivo, purtroppo) su cui sta lavorando Gathering of Developers.Non si sono pero’ visti i rappresentanti di Nvidia ne’ ATI, che progettava una conferenza stampa l`ha poi misteriosamente (ma non troppo visto quello che e` successo ieri) cancellata. Come se questo non bastasse ieri allo stand del produttore Canadese ci hanno detto che la scheda Radeon che doveva essere uno dei protagonisti della rassegna non era arrivata: “tomorrow may be here, may be…”, “domani potrebbe esserci, forse…”, strana decisione qualla di ATI che pubblicizza pil prodotto con annunci e striscioni e poi lo porta solo alla seconda giornata. Ma forse un certo tizio in jeans visto ieri agitarsi sul, palco del keynote e il piu` infausto dei comunicati della storia recente delle PR hanno qualche cosa a che fare con questo.L`unico evento di rilievo, se si esclude il fatto che allo stand Aspyr sono in vendita in anteprima e in promozione Deus Ex e The Sims e che l`inglese Feral ha annunciato alcuni giochi di cui diremo in un prossimo articolo, resta l`apparizione, gia` citata, sul palco di Ed Fries di Microsoft.Il manager ha annunciato una joint venture tra Apple e Microsoft per il porting di giochi della societa` di Redmond verso MacOs. A guidare questa nuova realta` sara` Peter Tamte, gia` Game Evangelist di Apple stessa e l`obbiettivo sara` quello di convertire per MacOs tutti i giochi i Microsoft.La notizia, dicevamo, e` di rilievo perche’ la presenza di Microsoft nel settore ludico e’ pesantissima per visibilita’ e prodotti. Basti pensare al successo di Links Pro, Flight Simulator, e Ages of Empire II. Al proposito l`augurio e` che Microsoft decida anche di portare per Mac anche alcuni dei suoi prodotti hardware come i joystick Force Feedback o i Gamepad.In questo contesto Alexander Seropian e’ salito sul palco per annunciare che Halo sara’ portato anche per Mac. Certo non si puo` dire che il fondatore di Bungie avesse un`aria particolarmente convinta, pareva piu` un tizio capitato li’ perche` qualcuno ce l’aveva spedito a dire quello che doveva (e li’ vicino il giovanissimo Fries con le braccia conserte aveva l’aria del mandante…), ma in ogni caso a questo punto ci si puo’ consolare almeno con il fatto che il piu’ atteso titolo degli ultmi mesi arrivera’ anche per Mac. Quando resta da vedere, ma noi non scommettermmo un soldo sul fatto che possa debuttare prima del rilascio e dello sfruttamento commerciale per X-BOX.