Ma Fastweb dov’è quando si parla di Mac?

di |
logomacitynet696wide

Parte una nuova campagna pubblicitaria di Fastweb con in primo piano un computer Mac, ma all’utenza Mac l’operatore in fibra ottica e ADSL cosa offre?

“Ma io dov’ero quando tutto questo stava cominciando?” è il claim della nuova campagna pubblicitaria di Fastweb partita in queste ore e comparsa già  su alcuni quotidiani (la pagina che vedete a lato è comparsa su la Repubblica di martedì).

Nell’immagine si vede una persona che abbraccia con tanto amore un computer portatile: un Apple PowerBook da 12 pollici.

Evidentemente Fastweb sa che con un computer di Apple ci sono ben pochi problemi di connessioni alla rete, spesso non servono configurazioni, al contrario su altri sistemi operativi è tutto così complicato e “buggoso” che l’operazione è a volte lunga e non sempre arriva a buon fine.

Chi scrive ha iniziato a testare il servizio “quando tutto questo stava cominciando” e ha provato subito i servizi in fibra ottica e di conseguenza l’assistenza tecnica dell’operatore milanese con i nostri Mac. Grazie a questo abbiamo sempre verificato la lontanissima conoscenza (o assoluta ignoranza) della nostra piattaforma da parte di Fastweb: “ma lei che versione di Windows usa?”, “si accendono le lucette sulla scheda di rete?”, “ha installato l’ultimo service pack?” etc.

Ebbene dopo vari anni da quell’esperienza constatiamo come raramente si siano verificati intoppi alla fibra ottica ma che altrettanto raramente Fastweb è stata in grado di e comprendere in pieno il problema e di porre rimedio offrendo le necessarie informazioni correttive.

Ad oggi nessuna pagina di configurazione di qualunque dei servizi offerti da Fastweb fa riferimento alla piattaforma Mac e neppure a software di base Apple. Che la filosofia a riguardo sia un semplice “si arrangino”?

Forse si è arrangiato anche il signore che dorme “sonni tranquilli” sul coperchio del PowerBook nell’immagine pubblicitaria. Fastweb “prende” dal Mac, ma per “restituire” alla clientela Mac si attende ancora.