Ma la crisi, dov’è?

di |
logomacitynet696wide

Da Wall Street segnali negativi per il settore informatico ma i produttori di semiconduttori dissentono. Fino al 2004 crescita continua e il 2000 sarà ancora un altro anno record.

La sfiducia nel settore informatico cresce (ieri il Nasdaq è calato ancora di oltre il 3%), ma i fondamentali sembrano dire che la crisi di vendite paventata è ben distante dal concretizzarsi nella pratica.
Di ieri è la notizia che la SIA (Semiconductor Industry Association), l’associazione che include 70 dei maggiori di semiconduttori, ha annunciato che il fatturato sui chip per il mese di agosto hanno fatto un balzo in avanti di circa 12 miliardi di dollari rispetto alla stesso periodo dello scorso anno con una crescita di circa il 53%. La crescita, precisa la SIA, è stata consistente in tutte le zone geografiche sviluppate, partendo dal 46% dell’Europa fino al 60% del mercato asiatico.
A stimolare le vendite sarebbero ancora una volta i computer e i dispositivi senza fili (come i telefoni cellulari) e il progresso non dovrebbe fermarsi almeno fino al 2004 quando il fatturato del settore dovrebbe toccare la soglia record di 316 miliardi di dollari contro i 200 miliardi dell’anno in corso.
La SIA ritiene quindi che per il 2000 verrà  rispettata, nonostante un rallentamento di alcuni dei maggiori protagonisti del mercato con e Intel, il traguardo del 31% di crescita e conclude affermando che “il 2000 resta un anno notevole per il settore la cui industria vende una crescita consistente nei prodotti consumer, per Internet e di comunicazione”