MacOs X, poche novità  dalla GDC

di |
logomacitynet696wide

Poche novità  su MacOs X nel corso della sessione tenuta da Apple nel corso della Games Developer Conference di San José. L’incontro, il più importante riservato agli sviluppatori del mondo ludico americano e mondiale, è servito a fare il punto su alcune tecnologie come OpenGL, AltiVec e l’ambiente ad oggetti Cocoa e a precisare alcuni dettagli del nuovo Os.

“Pevalentemente – si legge in un articolo di ZDNet – i responsabili di Apple hanno cercato di fugare i dubbi degli sviluppatori sulla necessità  di lunghe riscritture del codice”. Apple ha infatti dimostrato come per l 95% dei prodotti è già  compatibile con Carbon e che per l’ottimizzazione nella stragrande maggioranza dei casi non è necessaria più di una settimana di lavoro. In più applicazioni ottimizzate per MacOs X gireranno anche su MacOs 8 e 9 grazie alle CarbonLib.
Gli sviluppatori hanno poi saputo che i network sockets, una delle caratteristiche di Unix, saranno presenti in MacOs X ma che non ci sarà , invece, la possibilità  di accedere alla stringa di comando. Ci saranno ancora i Game Sprockets ma sparirà  la striscia di controllo che “semplicemente non è coerente con l’esperienza utente di MacOs X”, hanno detto i responsabili di Apple. Per quanto riguarda le estensioni, come si sapeva, quelle che provocano modifiche al sistema operativo non potranno più essere presenti. Per le altre è da vedere caso per caso. Apple sollecita al proposito gli sviluppatori a contattare la società  esponendo le loro esigenze per verificare la possibilità  di vederle soddisfatte direttamente a livello di sistema operativo.
Nel corso della sessione si è poi appreso che la compatibilità  con i vecchi sistemi è ancora allo studio ma che probabilmente, come già  si sapeva, quella per le macchine pre-G3 è improbabile.
Infine, pur rifiutando di dare indicazioni precise su altre domande (molti dei quesiti avranno soddisfazione nel corso delle sessioni della conferenza degli sviluppatori Apple che si terrà  tra due mesi a San José) i relatori hanno incoraggiato i presenti a considerare la produzione di applicazioni che sfruttano CPU multiprocessore. “Il supporto è incluso in MacOs 9 e MacOs X”, hanno precisato senza dare ulteriori dettagli, ma con un’allusione molto evidente a future CPU con più di un chip.