Machat: presto nuovi iBook

di |
logomacitynet696wide

Macchat riprende il discorso sul possibile uprading di iBook già  affrontato a queste pagine qualche giorno fa. Anche il sito americano, come già  Macity, nota l’inadeguatezza di HD e memoria Ram del portatile di fascia bassa di Apple. Questi due fattori, con il processore a 300 MHz, sono i principali elementi che spingono il sito ritenere che un upgrading di iBook possa essere imminente.

A rilanciare quella che tempo fa era una delle “leggende urbane” preferite su Internet è MacOs Rumors che cita fonti anonime secondo le quali Apple starebbe esplorando la possibilità  di usare i chip MIPS in uso sulla piattaforma SGI o i chip Crusoe di Transmeta. Anche AMD avrebbe, sempre secondo queste voci, espresso interesse a supportare MacOs con una versione di Athlon privata del chipset per l’emulazione x86. Chi scrive queste note, nonostante, effettivamente, l’attuale stallo nella produzione dei processori G4 sia davvero poco rassicurante, ritiene in ogni caso che ben difficilmente la società  di Cupertino possa abbandonare la piattaforma PPC per altri lidi altrettanto proprietari ma sostenuti da strutture molto meno solide di quelle che fanno capo a IBM e Motorola. Più interessante e forse anche più credibile potrebbe essere l’ipotesi di un porting (nella filosofia Open Source) di Darwin verso SGI, Crusoe e AMD/Intel. Ma resta da vedere quanto sia disposta a rischiare Apple con una mossa che potrebbe liberare dalla dipendenza hardware MacOs X.