Macworld di luglio, da Motorola i processori da Apple tutto il resto

di |
logomacitynet696wide

Il Macworld di luglio riserva importanti novità  per il mondo Pro. Se ne dicono sicuri alcuni siti che pronosticano: «processori Motorola da 1.5 GHz e nuove schede madri per macchine veloci come il vento»

Nuovi processori Motorola sarebbero ormai pronti sulla rampa di lancio. Si tratta, secondo The Register, degli MPC 7470 di cui Macity ha già  parlato qualche tempo fa.
I chip, pur essendo di fatto un’evoluzione degli attuali 7455 usati negli attuali PowerMac, presenterebbero novità  tecnologiche di grande rilievo. Tra queste la circuiteria a 0,13 micron (come i PPC 750FX dei nuovi iBook) e, soprattutto, la possibilità  di supportare bus da 133 o 166 MHz che possono raddoppiare a 266 o 333 MHz.
Questo aspetto renderebbe, secondo The Register solitamente piuttosto ben informato in fatto di processori, i nuovi MPC 7470 un fattore strategico per Apple. Dotati di clock da 1.5 GHz, supporto a cache di terzo livello fino a 4 MB, con un bus processore con maggiore capacità  e supportati da Ram DDR SDRAM PC2100 da 266 MHz, i nuovi chip costituirebbero un importante salto in avanti in fatto di banda di memoria disponibile per il “traffico” dei dati. Ricordiamo che gli attuali G4 hanno memorie PC133 SDRAM con la metà  delle capacità  di quelle supportate dall’MPC 7470. Se poi Apple dovesse scegliere di raddoppiare il bus dati, portandolo a 266 MHz, i nuovi G4 diventerebbero davvero tra i più veloci personal computer disponibili.
Secondo The Register, in ogni caso, Apple pare avere intrapreso la strada di potenziare oltre che i processori anche le varie componenti della macchina, aumentando la banda disponibile per il flusso dei dati in tutte le sue parti.
Questa scelta strategica dovrebbe essere confermata anche in futuro, quando si renderà  disponibile l’MPC 7500 o G5, un processore di nuova generazione che includerà  anche il supporto alla tecnologia RapidIO che di fatto consentirà  di collocare direttamente sul chip il controller della memoria eliminando il collo di bottiglia attuale nella comunicazione da CPU e Ram.
Ma se MPC 7500 sarà  disponibile solo a partire dal prossimo anno, l’MPC 7470 e il suo “fratello” minore l’MPC 7460 (destinato probabilmente al mercato dei portatili) potrebbe essere sul mercato ben prima. Forse addirittura entro la fine della primavera, in tempo per il lancio di una rinnovata serie di G4 che potrebbe apparire davvero rivoluzionaria. Oltre che un nuovo processore da 1.5 GHz, una nuova scheda madre potrebbero comparire anche FireWire 2 da 800 Mbps, Bluetooth integrata e forse persino USB 2. Ce ne sarebbe abbastanza per convincere in massa i clienti Pro ad acquistare i PowerMac.