McAfee agli utenti Mac: usate un antivirus e affidatevi ad iCloud

di |
logomacitynet696wide

McAfee diffonde una nota in cui si parla dei rischi di sicurezza che si corrono nelle feste di Natale acquistando un nuovo dispositivo. Consigli anche agli utenti Mac: «minacce in aumento, comprate un antivirus e affidatevi alle funzioni di backup e sicurezza di iCloud»

Se si dispone di un nuovo computer o dispositivo Apple, tra cui iPad o iPhone, replicare le best practice usate coi PC. Questo il consiglio avanzato oggi da McAfee, specialista del mondo della sicurezza ai possessori di prodotti di Cupertino.

Nella nota, parte di un documento che punta a sottolineare i rischi che si corrono specialmente nel periodo festivo quando arrivano in casa prodotti di cui poco ancora si conosce e spesso sono sguarniti da attacchi informatici, si sottolinea come «la popolarità dei computer e dei dispositivi Apple ha portato a una grande escalation delle minacce indirizzate alla piattaforma Mac OS X». Secondo McAfee Labs, a partire dalla seconda metà del 2010, ci sono stati 5.000 campioni unici di malware per Mac, cifra che cresce del 10% al mese.

Secondo l’azienda americana come misura preventiva, sarebbe bene prendere in considerazione l’installazione di un software di sicurezza e adottare il servizio iCloud di Apple, che fornisce strumenti per la sincronizzazione, il backup e la protezione dei dati. iCloud offre anche opzioni di sicurezza avanzata per localizzare i dispositivi smarriti e bloccarne da remoto l’accesso e cancellare i dati in caso di smarrimento o furto, un’altra delle funzioni considerate importanti da McAfeee che consiglia anche di utilizzare tutte le impostazioni di sicurezza native sul nuovo dispositivo come la richiesta di immettere un codice per accedere al dispositivo.

Una recente indagine a livello globale stima che gli utenti di internet hanno valutato che le “risorse digitali”, quali foto, contatti e file per l’intrattenimento in loro possesso presenti su più dispositivi digitali, valgono in media 37.500 dollari, cifra che in Italia si assesta sui 43.000 dollari (circa 31.000 euro). Un sondaggio Good Housekeeping dell’agosto 2011 ha rilevato che il 30% delle persone non esegue il backup dei propri file, e peggio, che ogni tre secondi un disco rigido si arresta.

Secondo McAfee, che cita una ricerca di USA Today, i software di sicurezza gratuiti mancano di funzioni importanti come, ad esempio, aggiornamenti automatici, Firewall e controllo dello stato di salute di un sito Web. «Per assicurare la migliore protezione contro le minacce emergenti – dice la nota diffusa da McAfee – preferire un software di sicurezza che fornisca protezione in tempo reale usufruendo di dati continuamente aggiornati nel cloud»

icloud